Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Frammenti di Roma’ Category

Frammenti di Roma,I sonetti romani

21 aprile 2017

21 aprile 753 a.C.

21 aprile 753 a.C.

***

Romolo e Remo, quer ventuno aprile,

se vollero sfidà pe fonnà Roma,

vinze chi vide, arzanno testa e chioma,

più ucelli in volo, soli o messi in file.

 ***

Fu Romolo, se sa, ormai è un assioma,

co Remo che je fu arquanto ostile,

ma er primo, co l’aratro e senza bile,

tracciò quer sórco co bestie da soma.

 ***

Quann’ebbe disegnato un ber quadrato,

Romolo parcheggiò l’aratro e er bue,

Remo j’entrò co un sàrto in quer tracciato.

 ***

Romolo, fino a allora su le sue,

je disse: “A Re’, ma va’ a morì ammazzato,

qui a Roma nun se pò comannà in due”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 21 aprile 753 a.C.

***

******

Frammenti di Roma,I sonetti romani

8 aprile 2017

A Roma mia

A Roma mia

***

Adoro ’sta città de campanili,

de tetti, case, cupole e mattoni,

de strade strette, vicoli e portoni,

de monumenti, vie, piazze e cortili.

 ***

Adoro ’sta città de chiese e sòni,

negozzi enormi e fiere mercantili,

de ville, ponti, argini e pontili,

de trattorie, de sogni e de canzoni.

 ***

Adoro ’sta città, immenza, eterna,

centro der monno da li tempi antichi,

de vita sempre attiva, ’na cisterna.

 ***

Adoro ’sta città de tutti amichi,

de gente alegra, pure che je ’nverna:

“noi semo noi, ahó, no pizza e fichi”.

***

Stefano Agostino

______________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: A Roma mia

***

******

Frammenti di Roma,I sonetti romani

16 marzo 2017

Portone vista San Pietro

Portone vista San Pietro

***

Si sali a l’Aventino, quarche metro,

su a Piazza Cavajeri “SMOM” de Màrta,

e vòi vedé quarcosa che t’esarta,

dà un’occhio a quer portone e a che c’è dietro…

 ***

… a quela seratura, ’ndó s’apparta,

chi vò spià come da dietro a un vetro,

l’Immenzo Cuppolone de San Pietro,

da sotto a l’arco de ’na siepe arta.

 ***

È un fotogramma ch’è ’na cartolina,

è pace de un seconno pe la vista,

che scatta un’istantanea da vetrina.

 ***

Ma ar posto de la foto da rivista,

che tanto prima o dopo se cestina,

questa s’eterna a l’occhi der turista.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

15 marzo 2017

Idi de Marzo

Idi de Marzo

***

Er quinnici de marzo è stato er giorno,

quanno che Giulio Cesare ar Senato,

ventitré vorte venne accortellato,

da Bruto, Cassio e Casca tutti attorno.

 ***

E lui che a Bruto l’aveva adottato,

nun s’aspettava certo quer ritorno,

je disse: “Pure tu, der mio dintorno,

me vieni a pugnalà, co ’st’attentato?”

 ***

“TU QUOQUE, BRUTE, FILI MI…” in latino

quanno che je s’è fatta a un tratto notte,

Bruto cor cortellaccio d’aguzzino.

 ***

Ma le parole sue se sò interotte,

e Cesare morì, ma a l’assassino

je stava a dì: BRUTE, FILI MI…GNOTTÆ !!!

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

18 novembre 2016

Er milite ignoto

milite ignoto

Er milite ignoto

***

Lo so che stai a penzà tu da là dentro,

de tutto quer via-vai che ciài de sotto,

da che se va in costume ar cappotto,

è sempre ‘na fiumana in pieno centro.

***

Te ‘mmaggino a parlà cor polizziotto,

da quell’artare a dije: “E io che c’entro?

Sò decisioni vostre, nun m’addentro,

ma cacchio ho fatto, pe pagà ‘sto scotto?

***

Pure mazziato, ortre che cornuto,

m’hanno chiamato, e già, er milite ignoto,

so’ morto e mai più fui riconosciuto.

***

E tutto er giorno tra machine e moto,

e ‘sta Piazza Venezzia ch’è un imbuto,

riposo in pace solo ne le foto”.

*

Stefano Agostino

________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

3 novembre 2016

Novembre a Roma

novembre

Novembre a Roma

 ***

È er mese de li santi e de li morti,

de le castagne e der vino novello,

de quanno che t’accoppi co l’ombrello,

mentre li giorni sò sempre più corti.

 ***

Le foje a tera a faje da mantello,

a l’angoli de Roma e a coprì torti,

der griggio de l’Autunno che l’ha avvorti,

de un tempo che poi piove, si mò è bello.

*** 

Callarostari a riscallà er passeggio,

la voja zero de ‘nfilà majoni,

stormi de storni, inzù, pronti a fà sfreggio.

 ***

L’abbraccio stretto a li termosifoni,

er fumo de comignoli a sorteggio,

 pe sluccicà lo sguardo a li barboni…

 ***

Stefano Agostino

__________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

1 settembre 2016

Settembre romano

Settembre romano

***

Settembre a Roma: er tempo s’artalena,

tra splenne er sole e er dové dì a l’Estate

de invaligià le ore e le giornate,

ché si se ’ncazza Autunno, quello mena.

 ***

Le strade, tutt’a un tratto, da isolate,

come a teatro, cambieno de scena,

così ’gni via s’ariempie e se fa piena,

pure le scòle sò aricominciate.

 ***

E ner sapore amaro der rientro,

c’è come un nodo che nun riesco a scioje,

tarmente ariva in fonno ar centro dentro.

 ***

Un movimento l’occhi me distoje,

e nun ce penzo più, poi me concentro

sur vorteggià de l’abbronzate foje …

***

Stefano Agostino

___________________________

***