Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

19 settembre 2017

La “chikungunya”

La “chikungunya”

***

Mancava, in de quest’epoca de sugna,

de schifi, nefandezze e cose amare,

‘sta cosa che ce viè da le zanzare,

ma quelle tigri, ch’è la “chikungunya”.

***

‘Na malatia così tra quelle rare,

che porta febbre arta e corpo a prugna,

dolori da svenì e ce vò la spugna

contr’er sudore e prima che scompare.

***

E già se parla de un sacco de casi,

pe corpa de la disinfestazzione,

che nun s’è fatta pe cavilli evasi.

***

Tocca sperà ar più presto ne l’azzione

de Autunno e Inverno che a fasi e fasi

caccino via ‘st’inzetti e ‘sta staggione.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

16 settembre 2017

16 settembre 88

16 settembre 88

***

Er sedici settembre ottantotto,

me l’aricordo come fosse adesso,

nun se dimentica, io credo, spesso,

er primo giorno de lavoro e trotto.

***

Diciotto l’anni e quarche mese appresso,

un regazzino più che un giovinotto,

a guardà l’artri, granni e grossi, lotto

pe nun scappà, già solo lì a l’ingresso.

***

Io che puzzavo ancora de liceo,

che ce facevo in mezzo a quer via-vai

de ommini co l’anni de un museo?

***

Ma si quer giorno me n’annavo, sai

quanto me rimpiagnevo mó er trofeo

d’avé un lavoro, da decenni ormai?

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

12 settembre 2017

Er solito TRAM-BUS-to

Er solito TRAM-BUS-to

***

S’aricomincia er solito TRAM-BUS-to,

lo sciopero de autobus e metro,

sinnò che gusto c’è a nun annà addietro

a ‘na colonna e er traffico da imbusto.

***

Così che da Sant’Angelo a San Pietro

ce metti un’ora e mezza, giusto giusto

er tempo necessario pe dà gusto

ar benzinaro e a chi te lava er vetro.

***

Ché a quer punto arivi prima a piedi

o co qualunque mezzo arternativo,

a meno che rinunci o soprassiedi.

***

Solo che si nun ciài beni a l’attivo,

campi de rendita … che me lo chiedi?

Hai da passà TRAM-BUS-to e uscinne vivo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 settembre 2017

Tutta corpa tua

Tutta corpa tua

***

‘Sta storia der peccato origginale

de un frutto, Adamo e Eva e de un serpente…

Virginia tu, nun ne sapevi gnente?

E de Caino e Abele … gnente uguale?

***

E de quanno che fu … la pora gente

ch’è morta ner diluvio univerzale?

La stragge a l’innocenti … tal’e quale,

che ciài da dì? … Quer giorno tu eri assente?

***

La storia poi de Giuda e er tradimento,

la scerta de Barabba e Cristo in croce

c’entravi sempre te, io me lo sento.

***

Chi cià er cervello granne come noce

e dentro fuffa in sconvorgimento,

già je dà retta a chi gira ‘sta voce.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

8 settembre 2017

L’uragano Irma

L’uragano Irma

***

Quanno che s’è parlato tutti assieme

de clima arovinato pe l’incuria

de l’omo, er genio Trump, co gran goduria,

conziderava ‘ste parole sceme.

***

Mó guardacaso Irma, co ‘na furia

mai vista prima e che già nulla teme,

se abbatte su ‘gni cosa fin’a spreme

la tera, da trattalla ch’è un’ingiuria.

***

Guasi pe dije a quer parucchino

che c’è davero da giocacce poco

cor monno, come fusse un palloncino.

***

Pe cui ce pòi già mette tu ‘na firma

ch’è grazzie a Trump e chi gioca cor foco,

che troppi ne vedremo de artri Irma.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

7 settembre 2017

Madrelingua

madrelingua

Madrelingua

***

Ner scrive in romanesco c’è er purista,

che usa puro, doppo, inzino, drento,

io no, perché nun sò de l’ottocento

e nun me va de stà a seguì ‘sta pista.

***

‘Gni lingua ch’è parlata e ‘gni suo accento,

der resto, senza uscì da la sua lista,

nun resta quella, già sentita e vista,

ma cambia cor passà de ‘gni momento.

******

Nun dico de violà la tradizzione,

de mostri sacri dar Trilussa ar Belli,

ma da conziderà l’evoluzzione.

***

Li tempi sò cambiati ormai da quelli

e pure er romanesco e la dizzione

se sò evoluti e tocca arivedelli.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

6 settembre 2017

A parlà chiaro se va

A parlà chiaro se va

***

Che te ce vò, tu dimme, a parlà chiaro?

Senza nisconne er vero in der penziero,

a dì er bianco ar bianco e er nero ar nero

e no cercà ‘na scusa pe riparo.

***

Ché a parlà chiaro ossia a èsse sincero,

pe quanto spesso t’arisurta caro,

se va, lo dice er detto, mica baro

e nun se sbaja certo a dì er vero.

***

Ché troppi guai io me sarei evitato,

si avessi detto chiaro che volevo

e nun ciavrei tant’ombre ner passato.

***

Ma ‘gnuno ne la vita ha un medioevo

quer ch’è importante è poi èsse rinato

e un grazzie ar parlà chiaro je lo devo.

***

Stefano Agostino

____________________________

***