Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

13 luglio 2018

Er “vaffa”

Er “vaffa”

***

“Te ciànno mai mannato a quer paese”,

come cantava er mitico Arbertone,

pe ammorbidì parecchio l’espressione,

che s’usa tra dinamiche più accese.

***

E l’usa tutta quanta ‘sta Nazzione,

un VAFFA nun cià origgini contese,

né IGT, né DOP, né mai pretese

de provenienza da quarche Reggione.

***

Un VAFFA si è de còre già antistressa

più mejo de qualunque palliativo,  

de dì quarch’artra cosa a lui connessa.

***

Un VAFFA nun è mai così cattivo,

co ‘na potenza che resta la stessa,

pe un viaggio che nun è ripetitivo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 luglio 2018

Accenni la TV e …

Accenni la TV e …

***

Accenni la TV, solite facce,

stesse battute, soliti programmi,

risate senza un senzo oppure drammi,

de quelli fatti a arte e co le tracce.

***

Me basteno già un par de fotogrammi,

pe intuì discorzi de fregnacce

e cambio o smorzo mejo e, tocca stacce,

pe stà a sentì l’inzurti in ideogrammi.

***

Ché nun le reggo più ‘ste trasmissioni,

in cui già è tutto noto, è tutto visto,

ner carderone de televisioni …

***

… de chiacchiere che se le porta er vento,

accenno ma de certo nun resisto

e schiaccio er tasto giusto, l’off de spento.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

6 luglio 2018

Er sapientone

Er sapientone

***

Nun c’è argomento, manco er più impenzato,

in cui nun sei un esperto luminare,

dar più arcano, astruso e impopolare,

a quello più battuto e più affrontato.

***

Conosci tera, cèlo, aria e mare,

nun ce sta un posto che nun hai toccato,

sai tutto de qualunque ritrovato,

dar ciuccio der poppante a fà le bare.

***

De storia, scènza, arte e geografia,

filosofia, politica e penziero,

tu pòi fà scòla a un’enciclopedia.

***

Ma quer che dici, nun è più un mistero,

pò fà er record mondiale de bucìa,

mai che ‘na vorta corisponna ar vero.

***

 Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

4 luglio 2018

Caronte ar fronte

Caronte ar fronte

***

Ce se prospetta ‘st’artro anticiclone,

che poi è un ritorno a riguardà la fonte,

sta pronto a traghettacce er sor “Caronte”,

indentr’ar forno cotti sur carbone.

***

E già ar sentore solo a l’orizzonte,

de l’AFA da boccheggio ciò er magone,

vabbè, lo so, se sa, … dice è staggione,

ma a l’idea me ‘nfracico la fronte.

***

Manco je posso dì: “Non ti crucciare,

vuolsì così colà dove si puote,

ciò che si vuole e più non dimandare” …

***

… Ché qui nun c’è un Virgilio a fà da perno,

ce sò in compenzo le “dolenti note”,

che sta a arivà un anticipo de Inferno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

22 giugno 2018

Come nasce un sonetto

Come nasce un sonetto

***

T’affanni pe cercà l’ispirazzione,

da mette in rima subbito un penziero,

e più lo fai e più arimani a zero,

senza l’idea giusta a l’occasione.

***

Te sforzi e te scervelli un giorno intero,

ma nun te viè manco su ordinazzione

la strofa che s’allaccia a dà espressione

a l’artra che la segue sur sentiero.

***

Invece quanno meno te l’aspetti

te sarta in testa e va poi dritta ar còre

l’idea che te compone li verzetti.

***

E appena che l’ingrani quer motore,

poi tutto parte e vengheno sonetti,

che ciànno er gusto tutti de l’amore.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 giugno 2018

Artri monni

Artri monni

***

In fonno che ce vò, stanno qua dietro,

de anni luce sò appena quaranta,

è l’urtima scoperta che ce ‘ncanta,

d’avé de l’artre Tere appena a un metro.

***

Quaranta in anni luce pare tanta,

ma confrontata ar Cosmo è appena addietro,

è come si ce separasse un vetro,

un’artra Tera che la vita vanta.

***

Me immaggino ‘na Tera a noi gemella,

a un attimo da qui in tempi da spazzio,

co un’artra Luna e er Sole come stella.

***

E ommini anche lì … e Dio aringrazzio,

nun semo soli, ma un dubbio scervella:

“Nun è che pure là ce sta la Lazzio?”

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

18 giugno 2018

Mannaia settimanale

Mannaia settimanale

***

Ritorna sempre, come ‘na cambiale,

t’ariva addosso a mo’ de ghijottina,

ma come che? Er lunedì matina,

pe quanto tu pòi fà, lui te viè uguale.

***

Uguale, se conzerva in naftalina,

cor suo sapore de chi s’arza male

mai che ciavesse un’ombra de speciale,

rispetto a quello prima a cui s’abbina.

***

Si l’ho rimato centro artre vorte,

è er modo mio pe dì dove lo piazzo

in graduatoria de giornate storte.

***

Nun è ‘na corpa mia, nun me sollazzo, 

è er lunedì che come apre le porte,

abbasta già così e m’ha rotto er c…. !!!

***

Stefano Agostino

_______________________________

****