Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

11 novembre 2017

L’11 de novembre: San Martino

L’11 de novembre: San Martino

***

L’unnici de novembre è San Martino,

quello famoso che tajò er mantello,

pe danne ‘na metà a scallà un porello,

ch’ebbe incontrato ignudo p’er cammino.

***

Da ch’era brutto, pioggia e venticello,

er Sole se stanò dar nasconnino

sortì de fòra e ariscallò er matino,

ché nun occorze più lana, né ombrello.

***

E quanno che fu notte e bujo pesto

a San Martino, poi, j’apparve in sogno

Cristo pe ringrazziallo de quer gesto …

***

… E je promise che in quele giornate

da lì e pe sempre a chi ce n’ha bisogno,

j’avrebbe arigalato un po’ d’estate.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 novembre 2017

Sciopero de tutto

Sciopero de tutto

***

Er giorno in cui sai solo de preciso

l’attimo esatto in cui esci de casa,

p’er resto è come dì “tabula rasa“,

quer che t’aspetta fòri è tutto intriso …

***

… de scioperi, de pioggia, e de chi intasa,

ner traffico, cercanno er paradiso

de un posto eppoi te guarda com’er Griso

che inzieme a l’artri “bravi” lui se gasa. 

***

Sortì de casa è l’unica certezza,

er tempo der rientro è ‘na domanna

che nun cià ‘na risposta ch’è a l’artezza.

***

E te la prenni poi co chi commanna,

ner tempo che stai a perde e l’amarezza

è che mai cià ‘na fine ‘sta condanna.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

9 novembre 2017

Amicizzia “a cerino”

Amicizzia “a cerino”

***

Nun ce sta ar monno gnente de più finto,

de un’amicizzia da chiamà “a cerino”,

quanno s’accenne pare fà un casino,

ma poi se smorza ar soffio de un istinto.

***

Sto a dì de chi te ‘ncontra ner destino

e de seconno ce ne impiega un quinto,

pe diventà tuo amico e t’ha convinto,

co quarche bella frase da lecchino.

***

Ma appena ch’ha raggiunto l’obbiettivo,

e t’ha sfruttato come j’è piaciuto,

s’è già scordato che si ancora è vivo …

***

… lo deve a te, ma quer cerino muto

s’è spento già, lassannote a l’attivo

un senzo amaro in bocca ch’è da sputo.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

8 novembre 2017

Le elezzioni in Sicilia

Le elezzioni in Sicilia

***

Er brutto de ‘ste urtime elezzioni,

è arivedé facce da preistoria,

risuscitate in cerca un po’ de gloria,

come a li vecchi tempi magnaccioni.

***

Un popolo che nun cià più memoria,

che manna a governà li parucconi,

presente ce n’ha poco a èsse boni,

ma p’er futuro vò magnà cicoria.

***

Ne l’arternanza de facce da bronzo

ner pennolo che va a sinistra e destra,

me sento un po’ un asceta, come un bonzo.

***

Me metto a guardà qui da la finestra,

in cerca de scrutà er novo stronzo,

venuto pe ‘mpiattasse la minestra.

 ***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

31 ottobre 2017

Festa de che?

Festa de che?

***

E ciarisemo co ‘sta ricorenza,

ché a chiamalla festa m’arivorta,

sarò un ber bacchettone, nun me ‘mporta,

de Halloween però io faccio senza.

***

A festeggià poi che? La gente morta?

Fantasmi, streghe e tutta la parvenza

de scheletri e de teschi e rimanenza

de tombe scoperchiate e gufi a scorta.

***

Si nun c’è male a fà giocà un pupetto,

risponno che ce stanno tutto l’anno

feste pe fallo divertì a soggetto.

***

Se ne ponno creà si nun ce stanno,

nun è né p’er dorcetto o lo scherzetto,

ma pe chi se festeggia de rimanno.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

30 ottobre 2017

Un lunedì ch’è giovedì

Un lunedì ch’è un giovedì

***

Oggi te vedo un po’ meno cattivo,

t’hanno spuntato er pijo abbituale,

mercoledì te frega er tuo normale

proposito de èsse negativo.

***

Ché più de un lunedì, sei tal’e quale

a un giovedì, pe quanto impegnativo,

ma co la festa in mezzo, nun fai er divo

tra quelli che ce nascheno a fà male.

***

Che pe quarcuno caschi che a faciolo,

unito a la festa pe fà un ponte,

che te viè bene co du’ giorni solo.

***

Prennessi spunto pe cambià orizzonte

venì sempre così, fittato a nolo,

nun come sempre da pistola in fronte.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

28 ottobre 2017

La doppia ora

La doppia ora

***

Er tempo quanno mai aritorna indietro,

né mai se ferma e manco mai s’aresta,

ma un’eccezzione sola, c’è e è questa,

de l’ora che pe un’ora torna addietro.

***

Stanotte pe le tre ‘gni mente desta,

si guarda l’orologgio, fronte ar vetro,

vedrà quele lancette tornà retro,

de un’ora esatta, senza dà de testa.

***

Vabbè, lo so, che è un’immagginazzione,

me piace assai penzà a ‘sta doppia ora

come si er tempo dà un’artra occasione.

***

Sta a noi sfruttalla, prima che se sfora,

ma er fatto è che ‘gni vorta, da cojone,

sto già a dormì e me svejo quann’è aurora.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***