Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

20 gennaio 2018

Daje ch’è sabbato

Daje ch’è sabbato

***

E ariva pure er sabbato ‘gni tanto,

‘gni sette giorni? … è sempre troppo poco,

dovrebbe fà sueggiù qui, pressappoco,

‘na vorta ogni du’ giorni co un impianto …

***

… che bruci er lunedì e je dia foco,

ce lassi solo quelli festa o santo,

du’ giorni de lavoro e poi de ‘ncanto,

t’ariva un artro sabbato pe gioco.

***

Nun se pò fà purtroppo e pe ‘sto fatto

è bene da godesselo ‘sto giorno,

co gusto, vista, udito, naso e tatto.

***

Ché prima che farà un artro ritorno,

tutti schierati in fila pe contratto,

l’artri ripasseranno a dì … “bongiorno”.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 gennaio 2018

Quaranta giorni oggi a l’elezzioni

Quaranta giorni oggi a l’elezzioni

***

Quaranta giorni oggi a l’elezzioni,

nun ne potemo più già solo adesso,

cor solito via-vai, sempre lo stesso,

granni promesse e grossi paroloni.

***

Quello che taja tasse e quello appresso

che tutte le certezze e soluzzioni,

e quello che sistema le penzioni,

lavoro, scòla e sanità, pe nesso.

***

Quaranta giorni ancora de comizzi,

tribbune elettorali e propaganna,

de urla e strilli, d’artri lazzi e frizzi.

***

Cor popolo de fronte a l’imbarazzo

de nun sapé risponne a la domanna,

“Che voto a fà? Tanto nun cambia un cazzo”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

18 gennaio 2018

Tutto cor cellulare

Tutto cor cellulare

***

“Ancora a prenne appunti ar taccuino ?!?”,

te l’aricordi me l’hai detto un paro

de settimane fa, un soriso a faro:

“io faccio tutto cor telefonino.

***

La penna ormai la uso assai de raro,

me basta avé ‘no smartphone ner taschino,

che me fa tutto … pure er cappuccino,

nun bado ar prezzo, quello mio è er più caro”.

***

Ieri però ner mezzo de ‘na via

quela ragazza, la spettacolare,

già donna de la vita, in fantasia …

***

… potevi segnà er nummero, te pare?,

co penna e carta, si la batteria

nun te smorzava prima er cellulare.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

16 gennaio 2018

Quanno che ariva l’influenza

Quanno che ariva l’influenza

***

Comincia quann’è più un tinticarello,

lo senti, ma è ‘na punta, in de la gola,

man mano però brucia e la parola

s’abbassa fin’a diventà un fruscello.

***

Poi inizzi a stranutì e te conzola,

er tempo de un minuto, manco quello,

cor fazzoletto … e te ce vò l’ombrello

quanno l’EETCIU’ te parte e tutto vola.

***

Poi brividi de freddo e mar de testa,

scatta la tosse a completà er quadretto,

der virus che co te ce sta a fà festa.

***

Te doleno le ossa e pe ‘st’effetto,

la febbre te vò dì che nun te resta

gnent’artro più che da infilatte a letto.

**

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

12 gennaio 2018

Er mejo venerdì de l’anno

Er mejo venerdì de l’anno

***

La prima settimana de lavoro

der novo anno è la più impegnativa,

che se immoviola quanno ha inizziativa,

ma chiude li battenti … bontà loro.

***

È peggio de la post-pausa estiva,

perché viè de gennaio che, a decoro,

è er mese freddo, buio e senza un oro

che sia da festeggià in comitiva.

***

Perciò ‘sto venerdì, tra li fratelli,

l’artri cinquantadue in tutto l’anno,

è quello co più applausi e scampanelli.

***

Ché più de tutti l’artri che ce stanno

fa già apprezzà quanto sò granni e belli,

li giorni der week-end che mó veranno.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 gennaio 2018

Accenni la TV e …

Accenni la TV e …

***

Accenni la TV, solite facce,

stesse battute, soliti programmi,

risate senza un senzo oppure drammi,

de quelli fatti a arte e co le tracce.

***

Me basteno già un par de fotogrammi,

pe intuì discorzi de fregnacce

e cambio o smorzo mejo e, tocca stacce,

pe stà a sentì l’inzurti in ideogrammi.

***

Ché nun le reggo più ‘ste trasmissioni,

in cui già è tutto noto, è tutto visto,

ner carderone de televisioni …

***

… de chiacchiere che se le porta er vento,

accenno ma de certo nun resisto

e schiaccio er tasto giusto, l’off de spento.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 gennaio 2018

Tassa de du’ centesimi a sacchetto

Tassa de du’ centesimi a sacchetto

***

Tassa de du’ centesimi a sacchetto,

quelle pe ‘gni verdura e pe ‘gni frutto,

quanno che intanto poi aumenta tutto,

più che un probbrema, me pare un giochetto.

***

Ché protestà ce sta, ma a che costrutto^

come pe fà cadé ner trabbocchetto,

d’annà a vedé quer gnente qui rispetto

a ‘gni artro aumento ben assai più brutto.

 ***

Sò aumentate luce, gas e benza,

co l’autostrade e l’assicurazzioni,

ma qui solo ar sacchetto ormai se penza.

***

Come quer tizzio che chissà ‘nd’è ito,

a cui indicà la Luna e se cojoni 

a contemplacce  affisso solo er dito.

***

Stefano Agostino

___________________________

***