Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ A tavola’ Category

A tavola,I sonetti romani

28 giugno 2017

Er Cocommeraro

cocomero

Er Cocommeraro

***

D’estate, quann’è afoso e se fa sera,

si esci in cerca de un fresco riparo,

fionnete dritto dar cocommeraro,

fàtte ‘na fetta, ch’è ‘na bombognera.

***

Nun riesce mejo manco er gelataro,

succosa, forte e morbida chimera,

è come un sogno e quanno che s’avvera,

te lascia un senzo dorce e un artro amaro.

***

Quer rosa vivo che s’è fatto porpa,

pe datte gusto, fra li sopraffini,

magnalo tutto e nun sentitte in corpa.

***

Ché come fanno poi li regazzini,

pò èsse sempre bono, pe discorpa,

dì che fai collezzione de semini.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

A tavola,I sonetti romani

18 febbraio 2017

La Carbonara

La Carbonara

***

Er sommo amplesso tra er guanciale e l’ova,

mist’ar formaggio e ar pepe grattuggiati,

è er “nunprusurtra” pe gole e palati,

da ’ngolosì co un’emozzione nova.

 ***

Lo sanno pure scapoli e ammojati,

che mejo piatto ar monno nun se trova

e che magnà la “carbonara” giova,

a lingua, bocca e stommico allignati.

 ***

Usa le penne oppure li spaghetti,

nun sò da disdegnà li rigatoni,

basta ch’abbonni, quanno che li metti.

 ***

Nun fà che la cottura s’appapponi!

Ché de la pasta scotta, a denti stretti,

è mejo un carcio in mezzo a li cojoni…

***

Stefano Agostino

______________________________

***

Per il videosonetto cliccate quiLa Carbonara

***

A tavola,I sonetti romani

20 settembre 2016

Er sugo a l’incazzata

Er sugo a l’incazzata

***

Pur nun èssenno tipico romano,

qui sto a parlà der sugo a l’arabbiata,

a Roma cià la forma sua, “incazzata”,

ch’è ‘na variante ar piatto suo italiano.

***

A Roma, co de l’ajo e spennellata

de ojo, d’agro tipico nostrano,

ricetta vò ch’er sugo, piano piano,  

  sia cotto ner piccante da imbarcata.

***

No che se sente un po’ er peperoncino,

come se fa ner resto der Paese,

che nun lo sente manco un regazzino.

***

Qui è “a l’incazzata”, e nun tradisce attese,

quanno lo metti in bocca e abbrucia fino

a l’artro bucio sotto, men cortese. 

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

A tavola,I sonetti romani

11 agosto 2016

‘Na magnata in compagnia

‘Na magnata in compagnia

***

Nun c’è ’na cosa più subblime ar monno

de fasse ’na magnata in compagnia,

raddoppia er gusto e aumenta l’alegria,

affossa li penzieri in fonno, in fonno..

***

A casa, ar ristorante o a l’osteria,

nun conta tanto er posto a fà da sfonno,

quello che serve è che tutti vonno

aritrovasse uniti in armonia.

***

A tavola, c’è er detto, nun se ’nvecchia,

e a fallo inzieme s’aringiovanisce

quest’è un’aggiunta mia, apri le recchia:

***

 ”Mettese a tavolino inorgojisce

guardannose l’un l’artro ce se specchia,

cin-cin … bon appetito … che gradisce?”

***

Stefano Agostino

____________________________

***

A tavola,I sonetti romani

12 novembre 2015

Er seconno romano

Er seconno romano

***

Carciofi a la giudia o sartimbocca,

co trippa o coda ch’è a la vaccinara,

‘na coratella o abbacchio e l’erba amara,

er pollo e peperoni e basta e tocca.

***

Sò li seconni a Roma, nun avara

de ‘ste pietanze a cui sa unì la brocca

der vin de li castelli e nun farlocca

la tavola sincera che nun bara.

***

Perché si a Roma ce commanna er primo,

er pranzo nun sarebbe fino in fonno

completo senza er piatto che qui rimo.

***

Rimane tronco come un mezzo sonno,

come si er Nilo nun facesse er limo,

così nun t’hai da arzà senza un seconno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

A tavola,I sonetti romani

7 novembre 2015

Er novello

Er novello

***

Novembre mette in tavola er novello,

ch’è er primo vino fresco de zampillo,

co quer sapore che nun riesci a dillo,

sì, sa de mosto, ma un tinticarello.

 ***

Der vino rosso, ce pò avé er siggillo,

ma qui er rubbino è come un acquerello,

famo a capisse, è vino, no vinello,

ma è meno forte e nun te lassa brillo.

 ***

Solo ch’è un po’ come er canto der gallo,

che “chi-chi-ri-cchi” strilla pe trastullo,

poi esce er Sole e smette de cantallo…

 ***

…così er novello tira presto er collo,

che già a metà dicembre ormai è da frullo,

bevilo prima e fàttece satollo!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

A tavola,I sonetti romani

4 agosto 2014

La pizza

La pizza

***

Servita ar piatto, cotta ar forno a legna,

ar tajo, ar forno elettrico che sia,

portata a casa o presa in pizzeria,

lei de l’Italia a tavola è l’inzegna.

 ***

E nun ce vò chissà quale archimia,

nimmanco un coco bravo che la ingegna,

ma l’ojo bono e ’na farina degna,

p’er resto abbasta un po’ de fantasia.

 ***

Focaccia, margherita o co sarciccia,

fiori de zucca, bufala e pachino,

quattro staggioni, si più te scapriccia.

 ***

Ma pure che te siedi ar tavolino,

posa quela posata che te ’mpiccia,

usa le mano e fa’ er capitolino.

***

Stefano Agostino

_______________________________