Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Romanamente

27 aprile 2018

Stallo

Stallo

***

Chissà come se n’esce da ‘sto stallo,

‘na situazzione che nun cià ‘no sbocco,

formà un Governo che va già in blocco,

co chi dovrebbe invece prenne e fàllo.

***

Pe due che sò d’accordo co ‘no schiocco

ce stanno tutti l’artri a contrastallo,

pe cui come che andrà è più de un giallo,

tra chi vorebbe fà e chi fa arocco.

***

In tutto questo se cancella er voto

de chi voleva un vero cambiamento,

si invece poi s’aripropone er noto …

***

… solite facce, solito annamento,

solo un po’ più sbiadite ne le foto,

… ner popolo poi nasce er marcontento.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

26 aprile 2018

Fà er ponte

fà er ponte

Fà er ponte

******

Che bello quanno ariesce de fà un ponte,

mortiplicà le ferie e le vacanze,

un modo d’accorcià tempo e distanze,

tra tera, cèlo, mare e orizzonte.

***

È er coridoio in mezzo fra du’ stanze,

traghetto pe du’ feste e un po’ Caronte,

c’è sempre chi se tiè le cose pronte,

pe scappà via e sfruttà le circostanze.

***

Tra questi, c’è quarcuno eccezzionale,

ch’è in grado, tra le artre cento imprese,

de allungà le ferie sur feriale.

***

Ar punto che nun desta più sorprese,

si prenne un ponte tra Pasqua e Natale,

e torna dopo un anno e quarche mese.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

24 aprile 2018

A quanno un Governo?

A quanno un Governo?

***

Tra giri assurdi de conzurtazzioni,

mischiati cor mannato eplorativo,

quer che già era scasso recidivo,

sta a diventà rottura de cojoni.

***

Tra chiacchiere e giochetti a chi è più divo,

ce sta un Paese che viaggia a magoni,

da troppo tempo in mano a li papponi,

fatica a dì ch’è ancora in piedi e attivo.

***

Passeno mesi e nun se fa er Governo,

nemmanco mai ‘na legge elettorale

che metta fine a ‘sto periodo eterno.

***

In cui er quaqquaraqquà è tal’e quale

a quello der pollaio sempiterno,

galli a cantà, ma resta notte uguale.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

23 aprile 2018

Discute de politica

Discute de politica

***

Discute de politica è esercizzio

che manca de un’utilità sociale,

ché ‘gnuno cià un’idea che resta uguale,

fin a la fine com’era a l’inizzio.

***

E ce se scalla, mentre er tono sale,

e chi ciavrà raggione, Caio o Tizzio?

Pe uno er primo è senza macchia e vizzio,

pe l’artro è l’artro l’unico che vale.

***

Ma tanto ‘gnuno resta de l’idea

e nun la cambia pe ‘na discussione,

peggio si accesa, come che se crea.

***

Ce se ne accorge, ma è un vero peccato,

quanno ch’è tardi e dici: “Che cojone!

Mannaggia a me e ar tempo ch’ho sprecato”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

22 aprile 2018

Dar Vangelo der giorno: “er bon pastore”

Dar Vangelo der giorno: “er bon pastore”

***

Gesù poi je parlò de pecorelle,

che passeno la porta der recinto,

ne l’ascortà la voce che l’istinto

je fa conosce a tutte quante quelle.

***

La voce der pastore, er quale ha spinto

de fòri a pasce er gregge, mai ribbelle,

ché sa chi è e che da artre favelle,

nun viè mai commannato e manco avvinto.

***

Poi spiegò tutto a chi nun lo comprese:

Gesù è la porta ar gregge e quer pastore,

le pecore sò er popolo che attese …

***

… e nun seguì er richiamo truffatore

de ladri e de briganti, ma che intese

la voce de Sarvezza der Signore.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

21 aprile 2018

21 aprile 753 a.C.

21 aprile 753 a.C.

***

Romolo e Remo, quer ventuno aprile,

se vollero sfidà pe fonnà Roma,

vinze chi vide, arzanno testa e chioma,

più ucelli in volo, soli o messi in file.

 ***

Fu Romolo, se sa, ormai è un assioma,

co Remo che je fu arquanto ostile,

ma er primo, co l’aratro e senza bile,

tracciò quer sórco co bestie da soma.

 ***

Quann’ebbe disegnato un ber quadrato,

Romolo parcheggiò l’aratro e er bue,

Remo j’entrò co un sàrto in quer tracciato.

 ***

Romolo, fino a allora su le sue,

je disse: “A Re’, ma va’ a morì ammazzato,

qui a Roma nun se pò comannà in due”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 21 aprile 753 a.C.

***

******

I sonetti romani,Romanamente

20 aprile 2018

Er lisciabbusso

Er lisciabbusso

***

Ma a che te serve statte a piagne addosso

e lamentatte de continuo, fisso,

a véde lo sprofonno de l’abbisso,

dar punto esatto ar limite der fosso.

***

Ciài più dolori te der Crocifisso,

sei aggitato come un mare mosso

e nun t’accorgi che sbaji de grosso

a stà così, perennemente affisso.

***

Ché invece de penzà solo a te stesso,

si te guardassi intorno, giusto a un passo,

vedresti quanti guai ce stanno appresso.

***

E invece de lagnatte qui, indiscusso,

nun t’arivava ‘sto sonetto a scasso,

a fatte un artro vano lisciabbusso.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***