Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Romanamente

19 settembre 2017

La “chikungunya”

La “chikungunya”

***

Mancava, in de quest’epoca de sugna,

de schifi, nefandezze e cose amare,

‘sta cosa che ce viè da le zanzare,

ma quelle tigri, ch’è la “chikungunya”.

***

‘Na malatia così tra quelle rare,

che porta febbre arta e corpo a prugna,

dolori da svenì e ce vò la spugna

contr’er sudore e prima che scompare.

***

E già se parla de un sacco de casi,

pe corpa de la disinfestazzione,

che nun s’è fatta pe cavilli evasi.

***

Tocca sperà ar più presto ne l’azzione

de Autunno e Inverno che a fasi e fasi

caccino via ‘st’inzetti e ‘sta staggione.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani

18 settembre 2017

Il videosonetto della partita

Il videosonetto di Roma-Verona

***

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 settembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “settanta vorte sette”

Dar Vangelo der giorno: “settanta vorte sette”

***

Pietro chiese a Gesù: “Rabbì, Signore,

si mi’ fratello me fa un torto in sorte,

io l’ho da perdonà, ma quante vorte?

Sò fin’a sette? Dimme, fà er favore”.

***

Gesù je disse: “Pietro, braccia corte,

settanta vorte sette e cor còre,

si vòi ch’er Padre cor Suo granne amore

perdoni anche te, fin’a la morte.

***

Nun fà come quer servo che ar padrone

doveva daje tanto e fu abbonato,

ma lui, nun fece uguale ar suo garzone.

***

Ché poi er Padrone, quanno l’ha sgamato,

j’ha fatto ingurgità ar gargarozzone

tutto quer che j’aveva condonato”.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

16 settembre 2017

16 settembre 88

16 settembre 88

***

Er sedici settembre ottantotto,

me l’aricordo come fosse adesso,

nun se dimentica, io credo, spesso,

er primo giorno de lavoro e trotto.

***

Diciotto l’anni e quarche mese appresso,

un regazzino più che un giovinotto,

a guardà l’artri, granni e grossi, lotto

pe nun scappà, già solo lì a l’ingresso.

***

Io che puzzavo ancora de liceo,

che ce facevo in mezzo a quer via-vai

de ommini co l’anni de un museo?

***

Ma si quer giorno me n’annavo, sai

quanto me rimpiagnevo mó er trofeo

d’avé un lavoro, da decenni ormai?

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 settembre 2017

Madre de l’umanità

Madre de l’umanità

***

Maria era a li piedi de la Croce,

quanno Gesù je disse: “Tu a Giovanni,

da oggi je sei Madre e li sua affanni

conzolali pe sempre” … co ‘sta Voce …

***

der Fìo inchiodato pe l’umani inganni,

Lei co un dolore ar petto ch’è er più atroce

divenne Madre, un attimo veloce

de ‘gni essere umano, gioie e addanni.

 ***

Vedeva er Fìo appeso sopr’ar Legno

da cui er nome Suo de Addolorata,

che je dava un incarico pe segno.

***

De fà da Madre a ‘gni anima ch’è nata

pe destinalla certa un giorno ar Regno

der Fìo che cor Padre l’ha chiamata.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

12 settembre 2017

Er solito TRAM-BUS-to

Er solito TRAM-BUS-to

***

S’aricomincia er solito TRAM-BUS-to,

lo sciopero de autobus e metro,

sinnò che gusto c’è a nun annà addietro

a ‘na colonna e er traffico da imbusto.

***

Così che da Sant’Angelo a San Pietro

ce metti un’ora e mezza, giusto giusto

er tempo necessario pe dà gusto

ar benzinaro e a chi te lava er vetro.

***

Ché a quer punto arivi prima a piedi

o co qualunque mezzo arternativo,

a meno che rinunci o soprassiedi.

***

Solo che si nun ciài beni a l’attivo,

campi de rendita … che me lo chiedi?

Hai da passà TRAM-BUS-to e uscinne vivo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 settembre 2017

Tutta corpa tua

Tutta corpa tua

***

‘Sta storia der peccato origginale

de un frutto, Adamo e Eva e de un serpente…

Virginia tu, nun ne sapevi gnente?

E de Caino e Abele … gnente uguale?

***

E de quanno che fu … la pora gente

ch’è morta ner diluvio univerzale?

La stragge a l’innocenti … tal’e quale,

che ciài da dì? … Quer giorno tu eri assente?

***

La storia poi de Giuda e er tradimento,

la scerta de Barabba e Cristo in croce

c’entravi sempre te, io me lo sento.

***

Chi cià er cervello granne come noce

e dentro fuffa in sconvorgimento,

già je dà retta a chi gira ‘sta voce.

***

Stefano Agostino

__________________________

***