Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

21 gennaio 2018

Dar Vangelo der giorno: “pescatori de omini”

Dar Vangelo der giorno: “pescatori de omini”

***

Simone stava in barca cor fratello,

quanno arivò Gesù e je disse: “Pietro,

così te chiamerai, tu viemme dietro,

inzieme a Andrea, mollate quer fardello”.

 ***

Poi avanzanno giusto quarche metro,

fece: “Er mestiere vostro è arquanto bello,

da oggi in poi, però, nun è un tranello,

nun sarà più lo stesso, come addietro”.

 ***

Voi cambierete oggetto de la pesca,

che nun sarà più er pesce, come adesso,

ma è l’omo pe cui Io ciò un’artra esca”.

 ***

Andrea co Pietro, in quer momento stesso,

mollarono le reti e ’gni artra fresca

e senza induggio je sò iti appresso.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

20 gennaio 2018

Daje ch’è sabbato

Daje ch’è sabbato

***

E ariva pure er sabbato ‘gni tanto,

‘gni sette giorni? … è sempre troppo poco,

dovrebbe fà sueggiù qui, pressappoco,

‘na vorta ogni du’ giorni co un impianto …

***

… che bruci er lunedì e je dia foco,

ce lassi solo quelli festa o santo,

du’ giorni de lavoro e poi de ‘ncanto,

t’ariva un artro sabbato pe gioco.

***

Nun se pò fà purtroppo e pe ‘sto fatto

è bene da godesselo ‘sto giorno,

co gusto, vista, udito, naso e tatto.

***

Ché prima che farà un artro ritorno,

tutti schierati in fila pe contratto,

l’artri ripasseranno a dì … “bongiorno”.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 gennaio 2018

Quaranta giorni oggi a l’elezzioni

Quaranta giorni oggi a l’elezzioni

***

Quaranta giorni oggi a l’elezzioni,

nun ne potemo più già solo adesso,

cor solito via-vai, sempre lo stesso,

granni promesse e grossi paroloni.

***

Quello che taja tasse e quello appresso

che tutte le certezze e soluzzioni,

e quello che sistema le penzioni,

lavoro, scòla e sanità, pe nesso.

***

Quaranta giorni ancora de comizzi,

tribbune elettorali e propaganna,

de urla e strilli, d’artri lazzi e frizzi.

***

Cor popolo de fronte a l’imbarazzo

de nun sapé risponne a la domanna,

“Che voto a fà? Tanto nun cambia un cazzo”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

18 gennaio 2018

Tutto cor cellulare

Tutto cor cellulare

***

“Ancora a prenne appunti ar taccuino ?!?”,

te l’aricordi me l’hai detto un paro

de settimane fa, un soriso a faro:

“io faccio tutto cor telefonino.

***

La penna ormai la uso assai de raro,

me basta avé ‘no smartphone ner taschino,

che me fa tutto … pure er cappuccino,

nun bado ar prezzo, quello mio è er più caro”.

***

Ieri però ner mezzo de ‘na via

quela ragazza, la spettacolare,

già donna de la vita, in fantasia …

***

… potevi segnà er nummero, te pare?,

co penna e carta, si la batteria

nun te smorzava prima er cellulare.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

17 gennaio 2018

Mostri

Mostri

***

Nun vojo ariccontà che avete fatto,

tarmente me fa schifo e nun l’ammetto,

quer che ve vojo dì co ‘sto sonetto

è che pe voi nun c’è condanna o atto …

***

… che possa rimedià a quer che s’è letto,

la casa de l’orori e de quer ratto

che solo che ce penzo ce esco matto,

nun c’è condanna che paghi l’effetto.

***

Nun posso che auguramme pe l’eterno

che annate giù a brucià senza ‘na sosta

a ustionavve tutto ne l’inferno.

***

Da li capelli zozzi, e er che v’accosta,

fin’a li piedi lerci ne l’interno,

pe poi aricomincià e rifallo apposta.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

16 gennaio 2018

Quanno che ariva l’influenza

Quanno che ariva l’influenza

***

Comincia quann’è più un tinticarello,

lo senti, ma è ‘na punta, in de la gola,

man mano però brucia e la parola

s’abbassa fin’a diventà un fruscello.

***

Poi inizzi a stranutì e te conzola,

er tempo de un minuto, manco quello,

cor fazzoletto … e te ce vò l’ombrello

quanno l’EETCIU’ te parte e tutto vola.

***

Poi brividi de freddo e mar de testa,

scatta la tosse a completà er quadretto,

der virus che co te ce sta a fà festa.

***

Te doleno le ossa e pe ‘st’effetto,

la febbre te vò dì che nun te resta

gnent’artro più che da infilatte a letto.

**

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 gennaio 2018

Io bene e tu?

Io bene e tu?

***

E si nun fusse manco un poco vero

quer “bene” che t’ho detto pe risposta

a la domanna, quella che m’hai posta

co quer tuo: “Come stai?” detto leggero?

***

Si t’ho risposto “bene”, è ché me costa

de stà a dì come sto, dico, davero,

e me verebbe qui d’èsse sincero

e ditte che me cruccio senza sosta.

**

Ma sta’ sicuro che quest’artra vorta

come che score er sangue ne le vene,

io t’aricconto de ‘gni cosa storta.

***

E lì me sfogo un po’ de impicci e pene …

ma tanto ce lo so che nun te ‘mporta,

e ar tuo “Ciao, come stai?”, risponno: “Bene!”

***

Stefano Agostino

_____________________________

***