Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

15 luglio 2018

Dar Vangelo der giorno: “l’agnelli in mezzo a lupi”

Dar Vangelo der giorno: “l’agnelli in mezzo a lupi”

***

Gesù scerze settantadue e je disse

d’annà pe le città a parlà der Regno,

senza portà bisacce o artro fregno,

spiegannoje ‘ste poche cose fisse:

***

“Annate a dà la pace! Si uno è degno,

j’ariverà, … ma qua famo a capisse,

si nun v’accojeranno, nun fate risse,

sgrullateve la porvere pe segno.

***

Quela città, ner giorno der Giudizzio,

verà distrutta e a dì distrutta è poco,

nimmanco fa er comincio de l’inizzio.

***

Ma voi gioite, no p’evità er foco,

co li demóni e ‘gni loro supplizzio,

ma perch’è scritto in Cèlo er vostro Loco.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani

14 luglio 2018

Belli: Er giorno der giudizzio

g.g. belli - er giorno der giudizzio

Er giorno der giudizzio

***

Cuattro angioloni co le tromme in bocca,

se metteranno uno pe ccantone

a ssonà, poi co tanto de voscione,

comincieranno a dì: “Ffora a cchi ttocca!”

***

Allora vierà ssù una filastrocca

de schertri da la tera a ppecorone,

pe ripijjà figura de perzone,

come purcini attorno de la bbiocca.

***

E sta bbiocca sarà Ddio bbenedetto,

che ne farà du’ parte, bbianca e nnera,

una p’annà in cantina, una sur tetto.

***

All’urtimo usscirà ‘na sonajjera

d’angioli e, come si s’annassi a letto,

smorzeranno li lumi e bbonasera.

***

Giuseppe Gioachino Belli

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

13 luglio 2018

Er “vaffa”

Er “vaffa”

***

“Te ciànno mai mannato a quer paese”,

come cantava er mitico Arbertone,

pe ammorbidì parecchio l’espressione,

che s’usa tra dinamiche più accese.

***

E l’usa tutta quanta ‘sta Nazzione,

un VAFFA nun cià origgini contese,

né IGT, né DOP, né mai pretese

de provenienza da quarche Reggione.

***

Un VAFFA si è de còre già antistressa

più mejo de qualunque palliativo,  

de dì quarch’artra cosa a lui connessa.

***

Un VAFFA nun è mai così cattivo,

co ‘na potenza che resta la stessa,

pe un viaggio che nun è ripetitivo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 luglio 2018

Acqua

Acqua

***

È l’acqua, sin da quanno sgorga in fonte,

er friccico de Vita der Pianeta,

che venghi giù a cascata oppure quieta,

fin’a che ariva ar mare inzù dar monte.

***

E nun c’è poesia e né poeta,

che ciabbia corde afone de fronte,

ner mentre fissa dritto l’orizzonte

e l’occhio indetr’ar mare se disseta.

***

L’acqua prezziosa in de ‘gni goccia e a goccia,

zampilla de freschezza trasparente

riggenera, pulisce e se fa doccia.

***

E vale più de l’oro veramente,

ben più de lo scavà quarziasi roccia,

chiedilo a chi cià sete ‘ndov’è assente …

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 luglio 2018

Tutti sarvi

Tutti sarvi

***

Grazzie a la squadra de soccoritori,

li bimbi thailandesi hanno arzato

la coppa più importante e er campionato

da l’incubbo ne sò venuti fòri.

***

Er monno intero inzieme l’ha tifato

‘sto risurtato ch’è tra li mijori,

che rènne tutti quanti l’artri allori

bazzecole ar confronto co ch’è stato.

***

E in tutto questo er vero allenatore

s’è dimostrato un omo tutto intero

come a scusasse de quer grave erore.

***

Tenenno accese le speranze ar cero

pe tutte quele infinite ore,

che prima o poi spariva er buco nero.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 luglio 2018

Accenni la TV e …

Accenni la TV e …

***

Accenni la TV, solite facce,

stesse battute, soliti programmi,

risate senza un senzo oppure drammi,

de quelli fatti a arte e co le tracce.

***

Me basteno già un par de fotogrammi,

pe intuì discorzi de fregnacce

e cambio o smorzo mejo e, tocca stacce,

pe stà a sentì l’inzurti in ideogrammi.

***

Ché nun le reggo più ‘ste trasmissioni,

in cui già è tutto noto, è tutto visto,

ner carderone de televisioni …

***

… de chiacchiere che se le porta er vento,

accenno ma de certo nun resisto

e schiaccio er tasto giusto, l’off de spento.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani

9 luglio 2018

Un sentore maledetto

Un sentore maledetto

***

Scarzeggio co le idee da mette in rima,

è un po’ che m’accompagna ‘sto penziero,

che manco tanto è griggio, è propio nero,

e si nun fusse più com’era prima?

***

La voja de trovà, a dì er vero,

la rima giusta che conzervi stima

in chi la legge, e che arimani in clima

co Roma, quella c’è e ne so’ fiero.

***

Ma indovinà lo spunto e l’argomento

de cui trattà se fa sempre più stretto,

ch’ho già rimato er tema co un commento.

***

Inzomma ciò un sentore maledetto

che so’ arivato in faccia a quer momento,

che a rime e verzi mette un ber lucchetto.

***

Stefano Agostino

_________________________

***