Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ La Roma in rima’ Category

La Roma in rima,Stagione 2017-18

18 novembre 2017

Roma – Lazio

Roma – Lazio: 2-1

***

Ma che goduria senza paragoni,

quanno se vince un derby è sempre bello,

ma questo cià quer gusto cojonello

che dà un sapore ch’è tra li più boni.

***

Ché questo co ‘st’avanzi de Formello

che s’ereno ‘mpettiti … e che cojoni …

pe du’ vittorie e pe un paro d’azzioni,

cià avuto ‘no spartito, sempre quello.

***

Vince le Roma ossia perde la Lazzio,

go’ de Perotti, che piazza er rigore,

er due de Nainggolan a daje strazzio.

***

Poi er due a uno loro cor favore

der VAR … ma poi er pari e qui te cazzio

l’hai fatto ne li sogni cor trattore.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima

15 novembre 2017

E tu quanno te ne vai?

E tu quanno te ne vai?

***

Me se perdoni ancora si sonetto

sempre de Italia e ancora de Tavecchio,

che l’ha cacciato e pure de sottecchio,

intenno dì Ventura ch’è er reietto.

***

Tu quanno te ne vai? Nun presti orecchio?

L’hai messo tu Ventura, scenniletto,

co quela faccia come un gabbinetto,

lo manni cestinato indentr’ar secchio.

***

E tu che fine fai? Te lo sei chiesto?

Seduto apportronato come un bonzo,

mó prenni le distanze ch’è un pretesto …

***

… pe fa ‘ntonà quela faccia da bronzo,

dovresti da scappà, eppure lesto,

de tutti hai vinto tu: er mejo stronzo.

**

Stefano Agostino

**

La Roma in rima

14 novembre 2017

Stanno ancora lì

Stanno ancora lì

***

Nun hanno dato ancor le dimissioni,

né er C.T. Ventura, né Tavecchio,

la dignita finisce indentr’ar secchio,

pe nun usà più forti l’espressioni.

***

Se sò guardati fronte a un bello specchio

e invece de occhi tristi e lagrimoni,

pronte borzette, borze e valiggioni,

a li lamenti j’hanno chiuso orecchio.

***

La dignità de un omo se misura

tanto de più quanno che cade e zitto,

se sa riarzà già co disinvortura.

***

Nun cerco co chi pò avé fatto er fritto

rimane a fà Tavecchio e a fà Ventura,

invece de stà a annà a fanculo dritto.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima

13 novembre 2017

Tutti a casa

 Tutti a casa

***

Ce sei riuscito e pure de misura,

a caccià via l’Italia dar mondiale,

bravissimo C.T. nun ce n’è uguale,

davero comprimenti sor Ventura.

***

E co ‘na faccia pari a un ber pitale,

Tavecchio e la federazzione azzura,

nun ciànno er coraggio e la premura

de dà le dimissioni in via totale.

***

Ma quanno poi la verità te bussa,

e lo pò confermà tutta la Tera,

je dici “ciao” a la trasferta russa.

***

Ciavessero un’ombrina de pudore

starebbero a dì “scusa” da stasera

l’urtima da capoccia e allenatore.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima

Spareggio o sparisci

Spareggio o sparisci

***

Si pe … Ventura casomai stasera

l’Italia co la Svezia casca male

ar punto che nun entra ner mondiale,

la FIGC, e tutta quanta intera …

***

… dar sor Tavecchio a quer C.T. locale,

ha da èsse cacciata in maniera

che s’aricordi poi in tutta la Tera,

pe avé fatto ‘sto scempio nazzionale.

***

Ché pure che va bene ‘sto spareggio

dovrebbe rassegnà le dimissioni,

chi ce l’ha fatto fà, ch’è già ‘no sfreggio.

***

Davero pochi co li piedi boni,

sfruttati male e messi in campo peggio,

tirassero de fòrì li cojoni!

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

5 novembre 2017

Fiorentina – Roma

Fiorentina – Roma: 2-4

***

Sontuosa Roma, vince un’artra vorta,

e un’artra vorta che lo fa in trasferta,

sò dodici pe un record ch’è scoperta

più bella ancora de tutta ‘sta svorta.

***

Avanti, pari, avanti, pari, allerta,

poi ner seconno tempo se fa corta,

du’ go’ a gonfià però solo ‘na porta,

ch’è quella viola. Fine. E via a la sverta.

***

Du’ go’ de Gerson, artro ber talento,

poi Manolas e ancora poi Perotti,

a rènne rosa un cèlo griggio spento.

***

Se torna a casa, anche stracchi e cotti,

ma co un còre così e in braccio ar vento,

la Roma inebbria più de mille botti.

***

Stefano Agostino

***

***

La Roma in rima

3 novembre 2017

Nun reggo più quer tipo de tifoso

Nun reggo più quer tipo de tifoso

***

Nun reggo più quer tipo de tifoso,

(de sé più che de artro in generale)

che crede d’avé er dono naturale,

e solo lui, pe fatto misterioso …

***

… che come tifa lui nun ce n’è uguale,

‘gni artro modo è sintomo impietoso,

che er còre nun è giallorosso o ha eroso

contorni e spazzio pe sembrà lazziale.

***

Nun reggo più così er depositario

der modo suo de sostené la Roma,

visto ch’er monno è bello perché vario.

***

Pe me conta l’amore e solo quello,

che ‘gnuno cià pe ‘sta città e ‘st’idioma,

er resto è robba pe tifà Formello.

***

Stefano Agostino

***