Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Poesie romaniste’ Category

La Roma in rima,Poesie romaniste

22 luglio 2017

22 luglio 1927

22 luglio 1927

***

Ner millennovecentoventisette,

22 lujo, uffici der Vicario,

Italo Foschi, omo leggendario,

vorze riunì tre squadre benedette …

***

Così quer giorno c’era ‘sto scenario,

Alba, co Fortitudo e Roman strette,

in un’Associazzione a tre, perfette,

lassanno fòra tutto er circondario.

***

Nacque così pe noi l’A.S. Roma,

cor giallo-oro e rosso-pompeiano

la Lupa e du’ gemelli pe assioma.

***

E da quer giorno chi è vero romano,

pe ‘na questione più de cromosoma,

la tifa, senza mai passà la mano.

***

Stefano Agostino

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 22 luglio 1927

***

******

La Roma in rima,Poesie romaniste

6 luglio 2017

Aricomincia la staggione

Aricomincia la staggione

***

La Roma aricomincia la staggione

e mai se parte co tanta incertezza,

‘na squadra che ar momento è più ‘na pezza

messa pe rattoppà er dopo fugone.

***

Tante cessioni, senza ‘na chiarezza,

anche ben ortre ‘gni dichiarazzione,

e chi me dà mó der “romanistone”,

è lui che de tifà nun è a l’artezza.

***

Che si er mercato chiude a fine agosto,

co quer che sta a succede già ‘gni giorno,

nun so si è un bene, un male e qui lo posto.

***

Ché l’impressione da levà de torno,

è che a Trigoria ‘gnuno cià er suo costo,

chi vole pò comprà, conta lo storno.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

27 giugno 2017

Nun semo un supermercato

Nun semo un supermercato

***

Ciài detto, come manco eri arivato,

la conferenza stampa a la reggia

de primo acchitto, a accenne fantasia,

“La Roma mica è un supermercato”.

***

Vabbè sarà così, … poi manni via

Salah, pe quanto certo ben pagato,

poi Manolas, Paredes … e in predicato

c’è pure Mario Rui in compagnia.

***

Nun è un supermercato, bè … d’accordo,

ma dicce tu cos’è, perché pe adesso

ce pare che de questo ciabbia er bordo.

***

E già se teme quer che viè poi appresso,

ce sò vociacce a cui c’è da sta sordo,

sinnò più che supermercato è un cesso.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

14 giugno 2017

Mister Di Francesco

Mister Di Francesco

***

Che se chiamasse “Mister Di Francesco”

e no Eusebio, nun è tu’ fratello,

in sala stampa, dico, e er senzo è quello

de mantené un distacco più tedesco.

***

Professionalità, no er gran bordello

de tutti amichi finti e er romanesco,

s’ha da chiamà er tecnico a ‘sto desco

sinnò pòi sempre intervistà a Formello.

***

È un tipo serio lui, l’ex giocatore,

già in questo se distingue nettamente

da l’artro ch’era er suo predecessore.

***

E va chiamato appunto seriamente

adesso è Di Francesco allenatore,

er resto conta zero fratto gnente.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

13 giugno 2017

Bentornato DiFra

Bentornato DiFra

***

È er giorno suo, de Eusebio Di Francesco,

ritorna in de ‘sti lidi benedetti,

in artri panni, ma sempre perfetti,

de allenatore tutto novo e fresco.

***

Succede a l’interista sor Spalletti,

che se n’è ito via in modo grottesco,

che commentallo come nun ce riesco,

senza infarcì d’epiteti diretti.

***

Ma quella de Luciano ormai è già storia,

se cambia ormai reggistro e semo pronti

a sostené chiunque viè a Trigoria.

***

Senza rivalità, senza confronti,

che ponno trovà spazzio a la memoria

de chi nun se contorna de orizzonti.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

30 maggio 2017

30 maggio 2017

30 maggio 2017

***

Un misto d’amarezza e nostargia,

er 30 maggio sempre e più quest’anno,

de un’artra storia, un artro capodanno

der dopo-Totti e che malinconia.

***

Quela finale e ancora me ce addanno,

mannaggia a li rigori, che follia,

e Ago che decide d’annà via

dieci anni dopo … data de rimanno.

***

‘Na cosa me conzola solamente

avé giocato anch’io quela finale,

e avé tifato incessantemente …

***

… pe Agostino e er venticinquennale

de Totti co ‘sta maja e pe ‘sta gente …

gnente che mai potrà sapé er lazziale!

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

27 maggio 2017

Capitano eterno

Capitano eterno

***

Grazzie France’ pe tutto quer ch’hai fatto

pe ‘sta città e ‘sta maja e noi tifosi,

li go’, li assist e guizzi portentosi,

gioia pe vista, gusto, udito e tatto.

***

Er naso hai fatto storce a l’invidiosi,

pe nun avé rescisso mai er contratto,

legato a ‘sti colori e co ‘gni tratto

romano distillato a stà in simbiosi.

***

Perzino chi ‘na vita t’ha osteggiato

mó ariconosce che sei tu er più forte

che in ‘sta città da sempre ha mai giocato.

***

E che pe sempre, detto in de ‘st’idioma,

cor dieci su la maja a sfonnà porte,

 è er Capitano eterno de la Roma.

***

Stefano Agostino

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Capitano eterno

***

******