Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Poesie romaniste’ Category

La Roma in rima,Poesie romaniste

27 giugno 2017

Nun semo un supermercato

Nun semo un supermercato

***

Ciài detto, come manco eri arivato,

la conferenza stampa a la reggia

de primo acchitto, a accenne fantasia,

“La Roma mica è un supermercato”.

***

Vabbè sarà così, … poi manni via

Salah, pe quanto certo ben pagato,

poi Manolas, Paredes … e in predicato

c’è pure Mario Rui in compagnia.

***

Nun è un supermercato, bè … d’accordo,

ma dicce tu cos’è, perché pe adesso

ce pare che de questo ciabbia er bordo.

***

E già se teme quer che viè poi appresso,

ce sò vociacce a cui c’è da sta sordo,

sinnò più che supermercato è un cesso.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

14 giugno 2017

Mister Di Francesco

Mister Di Francesco

***

Che se chiamasse “Mister Di Francesco”

e no Eusebio, nun è tu’ fratello,

in sala stampa, dico, e er senzo è quello

de mantené un distacco più tedesco.

***

Professionalità, no er gran bordello

de tutti amichi finti e er romanesco,

s’ha da chiamà er tecnico a ‘sto desco

sinnò pòi sempre intervistà a Formello.

***

È un tipo serio lui, l’ex giocatore,

già in questo se distingue nettamente

da l’artro ch’era er suo predecessore.

***

E va chiamato appunto seriamente

adesso è Di Francesco allenatore,

er resto conta zero fratto gnente.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

13 giugno 2017

Bentornato DiFra

Bentornato DiFra

***

È er giorno suo, de Eusebio Di Francesco,

ritorna in de ‘sti lidi benedetti,

in artri panni, ma sempre perfetti,

de allenatore tutto novo e fresco.

***

Succede a l’interista sor Spalletti,

che se n’è ito via in modo grottesco,

che commentallo come nun ce riesco,

senza infarcì d’epiteti diretti.

***

Ma quella de Luciano ormai è già storia,

se cambia ormai reggistro e semo pronti

a sostené chiunque viè a Trigoria.

***

Senza rivalità, senza confronti,

che ponno trovà spazzio a la memoria

de chi nun se contorna de orizzonti.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

30 maggio 2017

30 maggio 2017

30 maggio 2017

***

Un misto d’amarezza e nostargia,

er 30 maggio sempre e più quest’anno,

de un’artra storia, un artro capodanno

der dopo-Totti e che malinconia.

***

Quela finale e ancora me ce addanno,

mannaggia a li rigori, che follia,

e Ago che decide d’annà via

dieci anni dopo … data de rimanno.

***

‘Na cosa me conzola solamente

avé giocato anch’io quela finale,

e avé tifato incessantemente …

***

… pe Agostino e er venticinquennale

de Totti co ‘sta maja e pe ‘sta gente …

gnente che mai potrà sapé er lazziale!

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

27 maggio 2017

Capitano eterno

Capitano eterno

***

Grazzie France’ pe tutto quer ch’hai fatto

pe ‘sta città e ‘sta maja e noi tifosi,

li go’, li assist e guizzi portentosi,

gioia pe vista, gusto, udito e tatto.

***

Er naso hai fatto storce a l’invidiosi,

pe nun avé rescisso mai er contratto,

legato a ‘sti colori e co ‘gni tratto

romano distillato a stà in simbiosi.

***

Perzino chi ‘na vita t’ha osteggiato

mó ariconosce che sei tu er più forte

che in ‘sta città da sempre ha mai giocato.

***

E che pe sempre, detto in de ‘st’idioma,

cor dieci su la maja a sfonnà porte,

 è er Capitano eterno de la Roma.

***

Stefano Agostino

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Capitano eterno

***

******

La Roma in rima,Poesie romaniste

18 maggio 2017

Senza offesa

Senza offesa

***

Che hanno vinto “quelli” nun è un vanto,

così er discorzo infatti parte male,

va detta mejo, e cioè: “ha perzo er lazziale”

è tutta un’artra musica e un ber canto.

***

Ch’è aritornato ar suo stato normale,

de quelli a rosicà ar muro der pianto,

che arzeno la testa, ma ‘gni tanto,

pe poi sparì ner nulla più totale.

***

Così a quer derby che credevi vinto

lo pòi annà a pitturà sopr’a un arazzo,

de biancazzuro tutto su dipinto.

***

E ar centro de la scena c’è ‘no sprazzo

de luce a dà la sveja ar sogno estinto

co scritto che te sei attaccato ar c….

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

25 febbraio 2017

SI FA

SI FA

***

“SI FA”. Co ‘ste du’ note, le più belle,

a cui s’aggiunge er “LÀ”  come ar proggetto,

sortanto un po’ rivisto e un po’ coretto,

se ponno tintinnà le campanelle.

***

Lo Stadio de la Roma benedetto

grazzie a Virginia Raggi e cinque stelle

e a ‘sta società, ormai sorelle,

se pò fà costruì, ch’è ‘no scudetto.

***

MI DO ‘na pacca in faccia, e nun SOL una,

me sento un RE, lo canto, ché fa storia

lo Stadio a Tor de Valle è ‘na fortuna.

***

E chiudo e dico GRAZZIE e manno OMAGGI,

de qua a James Pallotta pe Trigoria,

de là a chi ha detto “sì”, Virginia Raggi.

***

Stefano Agostino

***