Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Stagione 2010/11’ Category

La Roma in rima,Stagione 2010/11

22 maggio 2011

Roma – Sampdoria

roma_sampdoriaRoma – Sampdoria: 3-1

***

Se chiude sta staggione er cui bilancio

è ito in rosso quasi a ‘gni sezzione,

tòrti li derby, ‘na gran delusione,

se spera solo in un pronto rilancio.

***

Se va in Europe League, ma viè er magone,

pensanno a che tre punti in più e un aggancio

daveno modo de giocà de slancio

la Champions, che arimane sur groppone.

***

Stesso destino che j’è capitato

ar solito cuggino de campagna

voleva er quarto posto e mo è appiedato.

***

Già trova er modo de piagne e se lagna

parlanno de complotto architettato,

che penza forze è robba che se magna…

***

Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2010/11

15 maggio 2011

Catania – Roma

catania - romaCatania – Roma: 2-1

***

Fòri da tutto, fòri senza onore,

senza centrà nimmanco un traguardo,

senza lottà, senza tenè lo sguardo,

senza rispetto de chi cià st’amore.

***

Senza ‘na traccia appena de riguardo

verzo sta maja che fa batte er core,

giocanno in modo che, si esce er sudore,

è solo perchè se mòre dar cardo.

***

Addio a l’obbiettivo quarto posto,

come si fosse poi chissà che impresa,

co l’artri annati avanti de nascosto.

***

E nun è più de certo ‘na sorpresa,

che ormai sta squadra è cotta tipo arosto,

arza bandiera bianca a ‘gni contesa.

***

Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2010/11

11 maggio 2011

Inter – Roma C.I.

inter-romaInter – Roma: 1-1

***

Addio a li sogni de stella d’argento,

la Roma patta e er pari nun je basta,

pe quer go preso in casa che ce guasta

la somma che fa rima co lamento.

***

De sta staggione ormai c’era arimasta

speranza de arzà sta coppa ar mento,

che l’artre sò state buttate ar vento,

e mano a mano s’è abbassata l’asta.

***

De fronte a l’Inter pare ormai un destino,

de dovè fà da spalla e cede er passo,

e sempre tutto solo pe un filino.

***

Ma ariverà mai un giorno er contrappasso

‘na vorta che nun dice pedalino

e semo noi a pescà er jolly e l’asso?

***

Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2010/11

1 maggio 2011

Bari – Roma

bari-romaBari – Roma: 2-3

+++

Partita che nemmeno si studiata

poteva uscì così co st’artalena,

da la tristezza a la gioia piena,

da com’era inizziata a com’è annata.

+++

Du vorte sotto, er Bari che ce ce mena,

la Roma che nun core, è imbambolata,

co l’occasione che pare buttata,

l’ennesima de ‘na stagione in pena.

+++

E invece propio a l’urtimo seconno,

quanno nun ce credeva più nessuno,

e ormai se stava tutti a toccà er fonno…

+++

…pallone in area, sporco, spunta uno,

è Rosi, la tocca, fa un finimonno,

avemo vinto e mo pò gode ‘gnuno.


+++

Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2010/11

23 aprile 2011

Roma – Chievo

roma-chievoRoma – Chievo: 1-0

***

Se torna a vince è c’è un’aria pasquale,

co quer che basta, un solo go de scarto,

ma tanto serve pe fà un ber sarto

e avvicinasse ar cuggino lazziale.

***

E’ vero che fà un go pare fà un parto,

ma a noi, se sa, che ce va bene uguale,

ha vinto pure l’InterLAZIOnale,

la Roma torna a guardà su in arto.

***

M’è arimasto un dubbio e un arcano,

com’è che mo er lazziale se dispera,

si ha perzo cor fratello de Milano?

***

Stavora si pijava go Muslera

l’OOH NOOO nun sortiva piano piano

a nefandezza de ‘na curva intera.

***

Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2010/11

19 aprile 2011

Roma – Inter C.I.

roma-inter C.I.Roma – Inter: 0-1

***

Quanno che ha d’annà male, sta tranquillo,

che s’arispetta sempre quela attesa,

così finisce pure sta contesa,

avemo perzo, eh, c’era da dillo?

***

Senza fà un tiro mai nun ce sta offesa,

nun pòi sperà de buttà giù un birillo,

nun pòi penzà de mettece er siggillo,

si l’aria è quela brutta de la resa.

***

E in più si sbaji go a porta vòta,

e nun è manco poi la prima vòrta,

de che te vòi lagnà, gira la ròta.

***

Quarcuno che volesse dà ‘na svorta,

pe fà un ritorno degno, pijasse nota,

e provi hai visto mai a tirà in porta!

***

Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2010/11

16 aprile 2011

Roma – Palermo

roma-palermoRoma – Palermo: 2-3

***

Era ‘mpossibile, ma sò riusciti,

a rovinacce er clima de sto giorno,

co una prestazzione da ritorno

a queli de li tempi bui infiniti.

***

Dovevi vince e guardatte attorno

da l’avverzari tosti e ‘nferociti,

ma queli che credemo èsse miti,

sò cotti come tòrti mo dar forno.

***

Che rabbia perde punti a sta magnera,

senza lottà, buttanno via occasioni,

che nun s’avvera mai quer che se spera.

***

Basta scusanti, alibbi e invenzioni,

qui ‘gni traguardo ormai è ‘na chimera,

come chimera è credeli campioni.

***

Stefano Agostino