Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Tempi d’oggi’ Category

I sonetti romani,Tempi d'oggi

6 giugno 2017

Baciamo le mani

Baciamo le mani

***

Me pare giusto, si sta tanto male,

che metti pò morì da un anno a l’artro,

famolo uscì dar carcere, perartro,

lì nun se pò curà, certo è normale.

***

Der resto si è taluno o si talartro,

che conta si è assassino occasionale,

o capo-mafia, peggio criminale,

“Capaci” e “Via D’Amelio” è lui lo “scaltro”.

***

Paese ch’è ben più de Purcinella

‘na morte dignitosa a Totò Riina,

che pò così usci da quela cella.

***

Fasse curà co quarche medicina,

pe fà felice chi ce se affratella,

“bacia le mani” e ar boss ancor se ‘nchina.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

23 maggio 2017

La fine ch’hai da fà

La fine ch’hai da fà

***

Si avevo l’aggettivo più appropiato,

poté qualificà in modo preciso

chi a Manchester stanotte infame ha ucciso,

l’avrebbe certamente utilizzato.

***

Ma nun ce l’ho pe te bastardo intriso

de merda in capoccia ch’hai bruciato

appresso a la tua fede de un malato

che nun pò meritasse un paradiso.

***

Posso solo sperà che giusto adesso

te trovi sotto ar culo de l’inferno

in bocca ar diavolaccio che t’ha messo …

***

… ner punto più anniscosto e più a l’interno

che puzza più der peggio zozzo cesso

e là ciài da restà pe un tempo eterno!

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

17 maggio 2017

Blue whale – Balena blu

Blue whale – Balena blu

***

“Blue whale” se chiama ‘st’urtima trovata

che m’arifiuto de chiamalla gioco,

de autolesionasse, e manco poco,

cinquanta prove … come ‘na scalata.

***

“Balena blu”, tradotto pressappoco,

da incidese sur braccio disegnata

ma co un rasoio, tipo tatuata,

solo l’inizzio e pari è dasse foco.

***

Salì fin’ar livello de cinquanta,

der lancio giù dar tetto de un palazzo,

co gente che ariprenne tutta quanta …

***

… la scena e chi se butta dar terazzo

pe sfracellasse, e c’è chi se ne vanta,

penza che grado de testa de cazzo!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

18 aprile 2017

Tutti giù pe … guera

Tutti giù pe … guera

***

S’ha da guardà così le cose in faccia,

pe fasse du’ domanne su ‘sto monno,

in mano a quarche matto a tutto tònno,

che gioca a fà la guera o la minaccia.

***

Nun pare ce sia un saggio che un seconno

se fermi a aspettà er vento de bonaccia,

tra li capi de Stato e nun c’è traccia

de chi voja evità ‘sto finimonno.

***

Vabbè uno ce n’è, sta in Vaticano,

da mó che lo sta a dì “guera mondiale”

a pezzi, e je lo dice a còre in mano …

***

 … de dialogà cercanno de stà in pace,

ma a la comunità internazzionale

nun je ne frega gnente e, zitta, tace. 

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

10 aprile 2017

Le straggi ne le Chiese

Le straggi ne le Chiese

***

Vijacco, infame e nun t’ho detto gnente

pe te nun ciò un inzurto ch’è appropiato,

chi se fa esplode pe fà un attentato

e ammazzà l’umanità innocente.

***

Er peggio pe ‘sto zozzo dichiarato

è fàlla in de ‘na Chiesa tra la gente

che sta a pregà pe un Dio che veramente

pe Amore nostro Lui ce s’è ammazzato.

***

Er mio è un Dio che predica er perdono,

pure contro de te che la violenza

ce l’hai ner DNA e già so’ bono.

***

Tu che nun ciài né dignità e decenza

che meriti l’inferno prono ar trono

der diavolo de cui tu ciài l’essenza.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

27 marzo 2017

A Emanuele

A Emanuele

***

Stava a difenne solo la regazza,

pe ‘sto motivo l’hanno massacrato

niscosti dentro ar branco, anonimato,

de infamità che ‘gni vergogna spazza.

***

Pistato in gruppo è morto trucidato,

vent’anni quanno è vita ancora in tazza

tutta da beve e gnente che l’ammazza,

sinnò quarche bastardo patentato.

***

Ma adesso pure che vòi fa’ giustizzia,

ma che giustizzia fai … nun c’è rapporto

tra ammazzà un amore quanno inizzia …

***

‘na vita d’un regazzo che mó è morto,

e ‘na galera che sai già … è notizzia,

dura du’ mesi eppoi er reato è torto.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

23 marzo 2017

Attacco a Londra

Attacco a Londra

***

Londra, come Bruxelles, come Parigi,

attacchi ar centro esatto de l’Europa

le tristi ricorenze fanno scopa

più o meno ovunque tra Senna e Tamigi.

***

Pe riparlà de Isis e chi lo dopa,

de terorismo e che momenti grigi,

de sicurezza da Palazzo Chigi,

tanto più attento a controllà ‘gni OPA.

***

Nessuno seriamente intenzionato

a debbellà er cancro der terore,

che a chiacchiere già è stato liquidato.

***

Come si mai potesse un Dio Signore

volé la morte de l’omo creato,

pe quer bisogno immenzo Suo d’Amore.

***

Stefano Agostino

___________________________

***