Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Stagione 2012/13’ Category

La Roma in rima,Stagione 2012/13

31 gennaio 2015

Roma – Empoli

Roma – Empoli: 1-1

***

Così nun va, inutile annisconne

la testa in de la sabbia ch’è da struzzi,

e nun me cojonà ché m’arintuzzi

co storie che aricconteno le nonne.

***

Perché ‘sto pari in casa, senza spruzzi,

co ‘st’ommini che in campo ciànno gonne,

anzi magara, ché un sacco de donne

ciànno più tempra de ‘sti quattro truzzi.

***

Nun c’è più quela smania de vittoria

nun ce sta più la tigna e né la grinta

e nun se vince, ma se fa cicoria.

***

È come si mancasse quela spinta

che c’era l’anno scorzo e qui la storia

se sta a annerì, da ch’era variopinta.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2012/13

26 maggio 2013

Roma – Lazio C.I.

Roma – Lazio: 0-1

***

Io nun ho perzo mica, nun ho perzo

e vado fiero co la maja addosso,

quella bordata gialla e er resto rosso,

io nun ho perzo no, e chiudo er verzo.

***

Er mio dovere ho fatto a più non posso,

der resto, come sempre, e mai diverzo,

tifanno pe la Roma e no pe scherzo

io nun ho perzo certo e nun me ‘nfosso.

***

Si un mercenario che veste ‘sta maja,

e nun sa che vor dì mettece er còre,

sai che me frega a me, si dopo scaja.

***

Io che ciò messo sempre e solo ardore,

ho vinto un’artra vorta la battaja,

pe questa maja, er mio granne amore.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2012/13

19 maggio 2013

Roma – Napoli

Roma – Napoli: 2-1

***

Finisce come mejo nun poteva:

co ‘na vittoria nostra e ‘na sconfitta

de quella sempre triste e sempre afflitta,

sin da li tempi de Adamo e Eva.

***

A l’urtima giornata e co ‘sta dritta

la Roma torna sopra a chi vedeva

già scudo, champion’s, uefa e mó se leva

tornanno dietro mesto e che s’azzitta.

***

Marquinho prima e poi er due de Destro,

pe quer due a uno che segna er totale,

che vale ‘sti tre punti da canestro.

***

Co quer sorpasso propio sur finale,

co un tocco assai preciso da maestro…

sur solito poraccio ch’è er lazziale.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2012/13

12 maggio 2013

Milan – Roma

Milan – Roma: 0-0

***

Pareggio zero a zero, un risurtato

che serve a poco, anzi mejo a gnente.

anche si a pareggià a Milano, gente,

nun è mai stato semplice o scontato.

***

Ma nun è un pari qui ch’è deludente,

è come è ito tutto er Campionato,

li punti perzi che sò da reato,

co squadre dar cammino inconcludente.

***

Pescara, Chievo, Samp eppoi er Palermo,

Bologna, Parma e ovviamente Lazzio,

nun pòi giocà co queste e restà fermo.

***

Sinnò se sa che poi vai a pagà dazzio

e guardi tutte l’artre ar teleschermo,

senza avé conquistato quelo spazzio.

***

Stefano Agostino

***

 

La Roma in rima,Stagione 2012/13

7 maggio 2013

Roma – Chievo

Roma – Chievo: 0-1

***

Senza commento sì, senza commento,

ma che vòi commentà ’sta prova indegna,

nun solo nun se gioca e nun se segna,

ma se va pure a perde e co tormento.

***

In casa contr’er Chievo che se ’mpegna,

cor massimo der propio accanimento,

nun hai tirato in porta, manco a stento,

fin’a che hai preso er go’ … ch’ancora legna.

***

A ch’è servito vince su a Firenze,

sippoi butti li punti via ner cesso,

e nun pòi lamentà torti o assenze.

***

Hai perzo er treno Europe League e adesso?

E tutto no pe chissà quali essenze,

ma solo pe nun èsse mai lo stesso.

***

Stefano Agostino

***

 

La Roma in rima,Stagione 2012/13

4 maggio 2013

Fiorentina – Roma

Fiorentina – Roma: 0-1

***

Era importante nun perde tereno,

era importante prenne armeno un punto,

pe quer posto in Europa nun raggiunto,

da troppo tempo ormai e a dà er sereno.

***

Ma vince addirittura senza appunto

co un go’ segnato a l’urtimo a fà er pieno

de punti presi quanno c’era er treno

che riportava a casa ch’era giunto.

***

Er merito è ancora qui d’Osvardo:

de testa l’ha incocciata ar posto giusto

e grazzie a lui tajamo ‘sto traguardo.

***

Nun dico mó ch’è da erigge un busto,

ma da passacce sopra co lo sguardo

a quarche uscita de cattivo gusto.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2012/13

28 aprile 2013

Roma – Siena

Roma – Siena: 4-0

***

Se vince e lo se fa co ‘na quaterna,

Osvardo eppoi Lamela, Osvardo, Osvardo,

pe un quattro a zero bello e assai gajardo,

come la Primavera, quanno sverna.

***

Un risurtato che nun è buciardo,

la Roma ch’ariaccenne la lucerna,

come ‘na crasi tra luce e lanterna

e che avvicina un po’ de più ar traguardo.

***

Traguardo d’arivà a un posto in Europa,

sippure da l’entrata de servizzio,

ma l’importante è de provà a fà scopa.

***

Mó tocca nun mollà da qui a la fine,

che sta partita anzi sia l’inizzio,

pe annà a giocà puranche ortre-confine.

***

Stefano Agostino

***