Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Poesie romanesche’ Category

Poesie romanesche

3 dicembre 2016

Trilussa – La Fede

La Fede

***

Quela vecchietta cèca che incontrai,

la notte che me sperzi in mezzo ar bosco,

me disse: “Si la strada nun la sai,

te ciaccompagno io, ché la conosco.

Si ciài la forza de venimme appresso,

de tanto in tanto te darò ‘na voce,

fino là in fonno, ‘ndò ce sta un cipresso,

fino là in cima, ‘ndò ce sta ‘na Croce”.

Io j’arisposi: “Sì, ma trovo strano,

che me possa guidà chi nun ce vede”

La cèca allora me pijò pe mano

e sospirò: “Cammina”. Era la Fede.

***

Trilussa

____________________________________

***

Poesie romanesche

10 settembre 2016

Trilussa – La calunnia

La calunnia

***

Da una brutta catapecchia / che se specchia drento ar fiume /

ogni notte c’è una Vecchia / ch’esce fòra co un lume. /

È una strega co ‘na mucchia / de sbognòccoli sur naso, /

e tre denti nati a caso / che j’ariveno a la scucchia. /

***

D’anniscosto de la gente / piano piano se stracina /

su lo sbocco puzzolente / de ‘na chiavica vicina, /

pija un sasso eppoi ce scrive / co la punta der cortello /

l’improperie più cattive / contro questo e contro quello. /

***

E la Vecchia dispettosa / soddisfatta de la cosa, /

detto fatto butta er sasso / drento l’acqua mollacciosa. /

L’improperia cala a fonno, / ma a fior d’acqua, piano piano, /

sparge in giro un cerchio tonno / che s’allarga e va lontano … /

***

Va lontano e, mentre pare / che se sperde e se finisce, /

zitto zitto ariva ar mare / e lì eccome si corpisce. /

Chi direbbe che ‘sta Vecchia / fa ‘sta brutta professione /

pe servì tante perzone / che je soffieno a l’orecchia?

***

Quanta gente, che c’è amica / je darà l’ordinazzione.

***

Trilussa

___________________________

***

Poesie romanesche

20 agosto 2016

Trilussa – La sincerità

La sincerità

 ***

M’aricorderò sempre che mi’ nonno, / pe famme pijà sonno,

me diceva la favola de quello / ch’annava in cerca de sincerità.

Io, però, m’addormivo sur più bello

 che nimmanco arivavo a la metà.

Tutta quanta la favola nun era / che la storia de Gnocco:

un pastorello  / ch’uscì de notte per annà ar Castello /

 de la gente sincera;  ma arivato a lo svorto d’una strada / 

incontrava ‘na povera vecchietta / che je diceva: “Abbada,

 tiè sempre d’occhio quer lumino verde

che riluce, sbrilluccica e se perde

co la stella der cèlo più vicina… / e cammina, cammina…

Però, si nun sei pratico, / passi un momento critico,

cor Cignale politico / e er Gatto dipromatico.

Nun te fidà dell’Omo / ch’accomoda l’idea,

seconno la livrea /che porta er maggiordomo.

E abbada all’Orco Rosso /che fa er vocione grosso:

abbada all’Orco Nero / perché nun è sincero;

abbada all’Orco Bianco /perché nun è mai franco.

Per cui, pe èsse certo, / de chi te s’avvicina,  

tiè sempre un occhio aperto / e cammina, cammina …

E Gnocco camminava, Dio sa quanto, 

tutta la notte fino a la matina, / fra l’Orchi e fra le Streghe:

ogni momento / trovava un tradimento…

Com’annava a finì? Già ve l’ho detto:  

prima ch’er pastorello / arivasse ar Castello,

m’addormivo, finché mi’ nonno me metteva a letto.

Purtroppo, puro adesso, / si vado in cerca de sincerità

me succede lo stesso: / e come ne la favola de nonno,

pur’io vedo un lumino, / lontano, in fonno in fonno…

E cammino, cammino, / finché casco dar sonno.

***

Trilussa

___________________

***

Poesie romanesche

12 marzo 2016

Trilussa – Er disinteresse

Er disinteresse

***

Una Mosca cascò drento un barattolo

pieno de marmellata

e ciarimase mezza appiccicata.

Cercava de stà a galla, inutirmente,

provava a uscì, sbatteva l’ale, gnente!

Più s’attaccava ar vetro,

più scivolava addietro.

***

Un Ragno, che pe caso

lavorava su una trave der soffitto,

cor filo de la tela, dritto dritto,

scese a piommo sur vaso:

“Che bella Mosca” – disse – “pare un pollo.

È necessario che la sarvi io

pijannolla p’er collo

armeno ce guadagno

che fo ‘na bona azzione e … me la magno”.

***

Conosco uno strozzino amico mio

che cià li stessi metodi der Ragno…

***

Trilussa

___________________

***

Poesie romanesche

19 dicembre 2015

Trilussa – Natale de guera

Natale de guera

***

Ammalapena che s’è fatto giorno,

la prima luce è entrata ne la stalla

e er Bambinello s’è guardato intorno:

“Che freddo, mamma mia. Chi m’aripara?

Che freddo, mamma mia. Chi m’ariscalla?”

- “Fijo, la legna è diventata rara

e costa troppo cara pe compralla” -

“E l’asinello mio ‘ndov’è finito?” -

“Trasporta la mitraja

sur campo de battaja: è requisito” -

“Er bove?” – “Puro quello

fu mannato ar macello”.

“Ma li Re Maggi ariveno?” – “È impossibile

perché nun c’è la stella che li guida,

la stella nun vò uscì, poco se fida,

pe paura de quarche diriggibile”.

Er Bambinello ha chiesto: “Indove stanno

tutti li campagnoli che l’antr’anno

portaveno la robba ne la grotta?

Nun c’è neppuro un sacco de polenta,

nemmanco una frocella de ricotta”.

- “Fijo, li campagnoli stanno in guera,

tutti ar campo e combatteno. La mano

che seminava er grano

e che serviva pe vangà la tera

adesso viè addoprata unicamente

pe ammazzà la gente.

Guarda, laggiù, li lampi

de li bombardamenti!

Li senti?, Dio ce scampi,

li quattrocentoventi

che spaccheno li campi?” - 

Ner dì così la Madre der Signore

s’è stretta er Fijo ar còre

e s’è asciugata l’occhi co le fasce.

Una lagrima amara pe chi nasce,

una lagrima dorce pe chi mòre.

***

Trilussa

____________________________

***

Poesie romanesche

11 luglio 2015

Trilussa – L’eroe a pagamento

L’eroe a pagamento

***

Un vecchio Re diceva ar Generale:

“Hai fatto bene a risicà la vita

pe difenne l’onore nazzionale.

Te darò la medaja a battaja finita”.

- “Grazzie” – fece l’eroe “ma dar contratto

devo avé cento lire pe ferita.

E noti bene, poi, che j’ho abbonato

un cazzotto in un occhio, uno sgraffo ar ginocchio

e un gelone sgonfiato”.

- “L’ideale?” – “Eh, lo so, nun c’è questione

ma bisogna ch’io penzi a l’avvenire:

nove ferite, novecento lire,

è un prezzo d’occasione”.

- “Su questo qui” – rispose er Re – “so’ pronto.

Anzi data la somma che m’hai chiesta,

famo mille e arrotondamo er conto…

Mor’ammazzato! … E je spaccò la testa.

***

Trilussa

_____________________________

***

Poesie romanesche

27 dicembre 2014

Trilussa – Natale de guera

Natale de guera

***

Ammalapena che s’è fatto giorno,

la prima luce è entrata ne la stalla

e er Bambinello s’è guardato intorno:

“Che freddo, mamma mia. Chi m’aripara?

Che freddo, mamma mia. Chi m’ariscalla?”

- “Fijo, la legna è diventata rara

e costa troppo cara pe compralla” -

“E l’asinello mio ‘ndov’è finito?” -

“Trasporta la mitraja

sur campo de battaja: è requisito” -

“Er bove?” – “Puro quello

fu mannato ar macello”.

“Ma li Re Maggi ariveno?” – “È impossibile

perché nun c’è la stella che li guida,

la stella nun vò uscì, poco se fida,

pe paura de quarche diriggibile”.

Er Bambinello ha chiesto: “Indove stanno

tutti li campagnoli che l’antr’anno

portaveno la robba ne la grotta?

Nun c’è neppuro un sacco de polenta,

nemmanco una frocella de ricotta”.

- “Fijo, li campagnoli stanno in guera,

tutti ar campo e combatteno. La mano

che seminava er grano

e che serviva pe vangà la tera

adesso viè addoprata unicamente

pe ammazzà la gente.

Guarda, laggiù, li lampi

de li bombardamenti!

Li senti?, Dio ce scampi,

li quattrocentoventi

che spaccheno li campi?” - 

Ner dì così la Madre der Signore

s’è stretta er Fijo ar còre

e s’è asciugata l’occhi co le fasce.

Una lagrima amara pe chi nasce,

una lagrima dorce pe chi mòre.

***

Trilussa

____________________________

***