Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Stagione 2014/15’ Category

La Roma in rima,Stagione 2014/15

31 maggio 2015

Roma – Palermo

Roma – Palermo: 1-2

***

Sai chemmefrega perde cor Palermo,

io godo ancora ar go’ de Yanga Mbiwa,

e pure che la rima è un poco ambigua,

nun so’ Leopardi su quer “colle ermo”.

***

De ‘sta sconfitta d’importanza esigua,

c’è er go’ de Yanga Mbiwa a fà da schermo

e d’esurtà de certo nun me fermo,

ho vinto co chi cià “burinia” attigua.

***

Ma pe ‘st’artr’anno, famo qui a capisse,

c’è da cambià parecchi feri rotti,

si nun se vonno fà figure fisse …

***

… de quelle che nun basteno cerotti,

ché nun pò èsse che fa sempre er bisse,

eternamente lui, Francesco Totti.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2014/15

25 maggio 2015

Lazio – Roma

Lazio – Roma: 1-2

***

Una goduria come er mejo amplesso,

t’ho arzato in faccia er seconno posto,

Lotito prova a dì: “Mó ve lo sposto”,

intanto io me godo ‘sto successo.

***

E me lo godo fino a quann’è agosto

tu zitto, pippa, muto o er che è lo stesso

rimani ar ventisei de maggio adesso,

che io er VENTICINQUE ho sovrapposto.

***

Iturbe e Yanga Mbiwa e strillo ancora

si penzo a quer pareggio tuo immediato,

nun smetto d’esurtà manco tra un’ora.

***

Un ventisei de maggio eri spuntato,

‘sto VENTICINQUE tutto se scolora

e torni ar nulla che sei sempre stato.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2014/15

17 maggio 2015

Roma – Udinese

Roma – Udinese: 2-1

***

A vorte serve assai quela fortuna,

ch’ha “C” tra quattro lettere inizziale,

che viè ner mentre che se mette male,

‘na vorta armeno, una dico, una.

***

Er go’ de Torosidis ner finale

che serve a la rimonta che già abbruna,

er viso de chi tifa pe “nessuna”,

che pe capisse cià tifo lazziale.

***

Quer go’ che c’è servito com’er pane,

pe evità l’ennesimo pareggio,

co la Roma seconna che arimane …

***

… in vista de ‘sto prossimo spareggio

co quello che se sa cià usanze strane,

tifà la squadra ch’è romana a atteggio.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2014/15

9 maggio 2015

Milan – Roma

Milan – Roma: 2-1

***

Nun so nemmeno io che cosa scrive,

che c’è da dì, è mejo più stà zitti,

dopo ‘sta prova da capelli dritti,

che fà cascà le braccia e anche l’olive.

***

Se perde co ‘sti quattro brocchi fritti,

privi de idee e de inizziative,

pe fà arisuscità e tornà a rivive,

noi semo tanto bravi e tanto dritti.

***

E s’esce un’artra vorta da Milano

co zero punti e co tanta amarezza,

quella ne l’occhi de chi ormai è lontano …

***

… dar campo, ché già questa è ‘na schifezza,

come se fa in panca der Capitano?

Beh nun risponno pe delicatezza.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2014/15

3 maggio 2015

Roma – Genoa

Roma – Genoa: 2-0

***

Tre punti e s’aritorna a vince in casa,

dopo pareggi sterili e melenzi,

due a zero co Doumbia e co Florenzi

è  armonia che ar còre se travasa.

***

Vittoria, quinni, co parpiti intenzi,

a scaccià via e pe fà tabbula rasa,

de dubbi su ‘na squadra che se gasa

tanto deppiù de quello che se penzi.

***

Ma adesso tocca spigne senza freni

pe quer seconno posto che a ‘sto punto

è d’obbligo tené carichi e pieni.

***

Ch’è er modo pe levacce er disappunto

de ‘na staggione ricca de veleni,

senza stà a fanne mó tutto er riassunto.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2014/15

29 aprile 2015

Sassuolo – Roma

 

Sassuolo  - Roma: 0-3

***

Tre punti, finarmente, tutti assieme,

pe ‘na vittoria che nun sia tardiva,

‘na Roma ch’ha giocato, rediviva,

segna tre go’ e mai un momento freme.

***

Er primo è de Doumbia che se riattiva,

poi quello de Florenzi che nun teme

confronti quanto ar mejo, e Pjanic spreme

‘gni artra neroverde inizziativa.

***

Ma adesso tocca mantené ‘sto passo,

cercanno de fà er minimo richiesto

pe ‘na staggione da sarvà a l’ammasso.

***

E se pò fà, senza che scrivo er testo,

de quer che serve, forza Roma e abbasso

quer coso avanti, ma è ancora presto.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2014/15

25 aprile 2015

Inter – Roma

Inter – Roma: 2-1

***

Sarebbe er caso de guardasse in faccia,

penzà a chi v’è restato sempre ar fianco,

arzà le braccia e chiede in modo franco,

“scusatece” pe ‘st’anno e ‘sta finaccia.

***

Ammette ch’è sartato tutto er banco,

ce stava da sarvasse la pellaccia,

in quer seconno posto che, bojaccia,

è de quer coso tra l’azzuro e er bianco.

***

Sarebbe da riunisse e tutti in coro

e dì nun semo tutti ‘sti campioni,

nun meritamo certo tutto ‘st’oro.

***

Sarebbe, ma so’ conziderazzioni

che nun faranno mai e, tacciloro,

ancora noi a osannalli da cojoni.

***

Stefano Agostino

***