Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

29 giugno 2017

Li Santi Patroni

Li Santi Patroni

***

San Pietro in fonno a l’Appia, fòri porta,

stava a scappà quer giorno da li guai,

quanno incontrò Gesù: “Signo’, ’ndò vai?”

“A famme crocifigge un’artra vorta”.

 ***

Allora Pietro disse: “Nun sia mai:

’sta capa mia, da la memoria corta,

che me sia messa in croce, capovorta,

ma Tu Signore no, resti ’ndò stai”.

 ***

San Paolo fu, poi, decapitato,

lì ar Santuario de le Tre Fontane,

ch’er capo a ’gni rimbarzo ha zampillato.

 ***

Guasi a scusasse pe ’st’esecuzzioni,

de tutt’e due a Roma j’arimane

d’aricordalli mó Santi Patroni.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 giugno 2017

Dar Vangelo der giorno: nun abbiate paura

Dar Vangelo der giorno: “nun abbiate paura”

***

In quer tempo, Gesù je disse chiaro:

“Voantri nun dovete avé paura,

ché gnente resterà in ombra scura,

nun c’è segreto che ciavrà riparo.

***

Dovete da temé chi pe natura

vò uccide e daje l’anima a quer baro

che sta a l’inferno e che aspetta er varo,

pe traghettà dannata l’avventura.

***

Er Padre vostro sa quanti capelli

ciavete in testa, sò tutti contati,

penzate un po’ … che tiè perzino a quelli.

***

Chi riconoscerà li connotati

che sò li Mia, davanti a li fratelli,

lo riconoscerà tra li Beati.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

18 giugno 2017

La Santa Messa

La Santa Messa

***

Er segno de la Croce, er pentimento

er Miserere, er Gloria e la Colletta,

Prima Lettura, er Sarmo, eppoi viè letta

la Seconna Lettura der momento.

***

Viè l’Alleluja, poi, cantata o detta,

Vangelo e Omelia a dà l’accento

sur tema letto, cor raccojimento,

er Credo e le preghiere a annà in scaletta.

***

Poi l’Offertorio pe l’Eucaristia,

Prefazzio, Memoriale, Intercessione,

pe seguità ne la Dossologgia.

***

Er Padre Nostro, Pace e Comunione,

l’Antifona finale, er Così sia,

a chiude “Amèn” a la Benedizzione.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 giugno 2017

A Londra ne l’inferno de cristallo

A Londra ne l’inferno de cristallo

***

A Londra ne l’inferno de cristallo,

nun c’era un set, nun c’erano l’attori,

né scene scritte e manco doppiatori,

né macchine da presa pe firmallo.

***

C’ereno fiamme arte e forti odori

de foco e fumo e nun riuscì a domallo,

co la struttura che brilla de un giallo

che sa de morte tra atroci dolori.

***

Ce stanno pure loro, Gloria e Marco,

du’ veneti, regazzi, fidanzati,

finiti dentr’ar rogo e senza un varco.

***

Du’ còri uniti che se sò spezzati,

li immaggino felici in quarche parco,

ancora inzieme vivi e abbraccicati.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 giugno 2017

La Santissima Trinità

La Santissima Trinità

***

Capilla come pò fà un regazzino,

la Trinità ne le Sue tre perzone,

distinte e ar tempo stesso in communione,

dico quel’espressione d’Uno e Trino.

***

Ciariva er còre, mica la raggione,

pulito come quello d’un bambino,

pe cui è normale, è ovvio, er Trio divino,

è un Tre in totale e Uno in addizzione.

 ***

Da granne a l’occhio ch’ortre nun vò vede,

nun c’è argomento che lo spieghi, tanto

ce pòi arivà sortanto co la Fede.

 ***

È solo grazzie a Lei e a quer Suo impianto,

che pòi intuì un solo Dio in cui crede:

er Padre, er Fìo e lo Spirito Santo.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 giugno 2017

Oceani

Oceani

***

Qui pe rimallo ce vorebbe un cantico

‘na goccia d’acqua in modo immagginifico

diventa, a forza de un fiumà magnifico,

da quer suo stato ch’è più o meno quantico …

ééé

… a ingigantì ar passaggio più munifico,

nun solo pe l’appello suo semantico,

de qua mare, eppoi, oceano Atlantico,

de là Indiano e ortre poi Pacifico.

***

Da goccia d’acqua a oceano pe meta,

ner ciclo inesauribbile da sfonno,

pe colorà de blù tutto er pianeta.

***

Dar tempo quanno Adamo fece un sonno

e Dio je diede Eva, che disseta

je fa da bagnasciuga tutt’er monno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Quer firm chiamato “Vita”

quer firm chiamato vita 

Quer firm chiamato “Vita”

***

‘Gni omo è ar centro de ‘na sola storia:

er firm che vive, intitolato “Vita”,

da quanno nasce, fino a che è finita,

co ‘na sconfitta, ahimé, o ‘na vittoria.

 

La cinepresa su de lui è accanita,

e gira scene da mannà a memoria,

senza copione, de tristezza o gloria,

seconno come er nastro lo riavvita.

***

E tutto rota e prenne vita intorno,

mentre lui passa e l’artri a fà comparze,

protagonista è lui, l’artri er contorno.

***

Ar centro de ‘sto firm ce sta ‘gni “io”,

che sceje scene e parti, vere o farze,

reggista a batte er ciak, è sempre Dio.

***

Stefano Agostino

__________________________

***