Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

21 gennaio 2018

Dar Vangelo der giorno: “pescatori de omini”

Dar Vangelo der giorno: “pescatori de omini”

***

Simone stava in barca cor fratello,

quanno arivò Gesù e je disse: “Pietro,

così te chiamerai, tu viemme dietro,

inzieme a Andrea, mollate quer fardello”.

 ***

Poi avanzanno giusto quarche metro,

fece: “Er mestiere vostro è arquanto bello,

da oggi in poi, però, nun è un tranello,

nun sarà più lo stesso, come addietro”.

 ***

Voi cambierete oggetto de la pesca,

che nun sarà più er pesce, come adesso,

ma è l’omo pe cui Io ciò un’artra esca”.

 ***

Andrea co Pietro, in quer momento stesso,

mollarono le reti e ’gni artra fresca

e senza induggio je sò iti appresso.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 gennaio 2018

Io bene e tu?

Io bene e tu?

***

E si nun fusse manco un poco vero

quer “bene” che t’ho detto pe risposta

a la domanna, quella che m’hai posta

co quer tuo: “Come stai?” detto leggero?

***

Si t’ho risposto “bene”, è ché me costa

de stà a dì come sto, dico, davero,

e me verebbe qui d’èsse sincero

e ditte che me cruccio senza sosta.

**

Ma sta’ sicuro che quest’artra vorta

come che score er sangue ne le vene,

io t’aricconto de ‘gni cosa storta.

***

E lì me sfogo un po’ de impicci e pene …

ma tanto ce lo so che nun te ‘mporta,

e ar tuo “Ciao, come stai?”, risponno: “Bene!”

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

14 gennaio 2018

Dar Vangelo der giorno: “li primi discepoli”

Dar Vangelo der giorno: “li primi discepoli”

***

E lì er Battista disse: “Ecco l’Agnello,

de Dio che toje li peccati ar monno,

più nun seguite me, ma fino in fonno

annate appresso a Lui, còre e cervello”.

***

Così che li discepoli, co sfronno,

seguirono Gesù, grazzie a ‘st’appello,

circa a le quattro, un pomeriggio bello,

che je cambiò la vita in der profonno.

***

Gesù li vide e disse: “Che cercate?”

Risposero, ner fasse avanti un metro,

-” ‘ndó abbiti, Rabbì?” – “Voi lo guardate, …

***

… si seguitate qua a venimme addietro” - 

Andrea e Simone, primi e l’artri a rate,

Simone, che Gesù poi chiamò Pietro. 

 ***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

7 gennaio 2018

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

***

Gesù se presentò in riva ar Giordano,

pe fasse battezzà da lui, er Battista,

er quale disse e strabbuzzò la vista:

“So’ io che t’ho da battezzà? M’è strano”.

***

Gesù je fece: “Lassa fà ar Reggista,

ch’aregge l’Univerzo co le mano”,

Giovanni, allora, nun parlò più invano,

lo battezzò co l’acqua e pure in lista.

***

E quanno che poi l’ebbe battezzato,

s’aprirono li Cèli e ‘na colomba,

Spirito Santo materializzato, …

***

… discese su Gesù, squillo de tromba,

s’udì: “Costui è er Mi’ Fìo, da Me, l’Amato”,

la voce de Dio Padre ch’arimbomba.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

5 gennaio 2018

Epifania

Epifania

***

Epifania ch’è manisfestazzione,

pe un Dio ch’ha assunto la nostra natura,

inzieme a la divina e che matura

man mano cresce ne la percezzione …

***

… d’èsse Cristo Gesù e com’è dura

ner mentre se fa Omo la missione

a cui Dio Padre, pe Sua Vocazzione,

l’ha poi chiamato tra la gente impura.

***

Epifania, prima tra li pastori,

poi tra li Magi, ar chiaro de ‘na stella,

poi ancora ar monno, quann’è ito fòri.

***

Porta a chiunque la Bona Novella,

spèce si pubblicani e peccatori,

pe la sarvezza e tutti l’affratella.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

3 gennaio 2018

Chi sei veramente

Chi sei veramente

***

Chi crede de conoscete sortanto

perché de te cià ‘na sfaccettatura,

nun sa che quer che sa de te misura

come ‘na goccia dentr’a un mare tanto.

***

Te guarda come fussi ‘na scurtura,

che resta ferma, mentr’er monno accanto

t’ha già bollato come mostro o santo,

in base a quer parziale che snatura.

***

Come ‘gni omo ciài cent’artri aspetti

e nun pò èsse mai ch’uno qualunque

abbasta a dì chi sei, come t’assetti.

***

Ché spesso nun lo so nemmanco io

come so’ fatto veramente ar dunque,

er solo che lo sa, se chiama Dio. 

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 dicembre 2017

Santo Stefano

Santo Stefano

***

Er protomartire, ch’è er primo ucciso

martirizzato pe difenne Cristo,

lui Stefano, cioè che quanno ha visto

li Cèli aperti, er Padre e er Fìo assiso …

***

…  a la Sua destra, lì (e me rattristo)

da sassi lapidato e in più deriso,

mentre moriva, l’attimo preciso,

lui perdonò chi l’ammazzava pisto.

***

Ner calennario segue già er Natale,

come che vita e morte sò un ritorno

de un disegno de Chi ha vinto er male …

***

… pe ricacciallo in de l’abbisso ar forno,

e io me picco d’avé er nome uguale

è d’èsse nato propio in de ‘sto giorno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***