Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

15 luglio 2018

Dar Vangelo der giorno: “l’agnelli in mezzo a lupi”

Dar Vangelo der giorno: “l’agnelli in mezzo a lupi”

***

Gesù scerze settantadue e je disse

d’annà pe le città a parlà der Regno,

senza portà bisacce o artro fregno,

spiegannoje ‘ste poche cose fisse:

***

“Annate a dà la pace! Si uno è degno,

j’ariverà, … ma qua famo a capisse,

si nun v’accojeranno, nun fate risse,

sgrullateve la porvere pe segno.

***

Quela città, ner giorno der Giudizzio,

verà distrutta e a dì distrutta è poco,

nimmanco fa er comincio de l’inizzio.

***

Ma voi gioite, no p’evità er foco,

co li demóni e ‘gni loro supplizzio,

ma perch’è scritto in Cèlo er vostro Loco.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 luglio 2018

Acqua

Acqua

***

È l’acqua, sin da quanno sgorga in fonte,

er friccico de Vita der Pianeta,

che venghi giù a cascata oppure quieta,

fin’a che ariva ar mare inzù dar monte.

***

E nun c’è poesia e né poeta,

che ciabbia corde afone de fronte,

ner mentre fissa dritto l’orizzonte

e l’occhio indetr’ar mare se disseta.

***

L’acqua prezziosa in de ‘gni goccia e a goccia,

zampilla de freschezza trasparente

riggenera, pulisce e se fa doccia.

***

E vale più de l’oro veramente,

ben più de lo scavà quarziasi roccia,

chiedilo a chi cià sete ‘ndov’è assente …

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 luglio 2018

Tutti sarvi

Tutti sarvi

***

Grazzie a la squadra de soccoritori,

li bimbi thailandesi hanno arzato

la coppa più importante e er campionato

da l’incubbo ne sò venuti fòri.

***

Er monno intero inzieme l’ha tifato

‘sto risurtato ch’è tra li mijori,

che rènne tutti quanti l’artri allori

bazzecole ar confronto co ch’è stato.

***

E in tutto questo er vero allenatore

s’è dimostrato un omo tutto intero

come a scusasse de quer grave erore.

***

Tenenno accese le speranze ar cero

pe tutte quele infinite ore,

che prima o poi spariva er buco nero.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 luglio 2018

Dar Vangelo der giorno: “er profeta in patria”

Dar Vangelo der giorno: “er profeta in patria”

***

Gesù, tornato a Nazaret, parlava

der Regno e de Divini inzegnamenti,

tutta la gente a dì: “Ma senti, senti …

nun è quer fìo ch’è nato qui e qui stava?”

***

Da ‘ndó je vengheno ‘sti intennimenti

e ‘sta sapienza? Prima lavorava

cor padre suo Giuseppe eppoi contava

Maria pe madre e tanti pe parenti?”

***

Gesù vedenno quela poca Fede,

disse: “Nessun profeta in casa sua,

viè rispettato e qua nun Me se crede!”

***

Così che disse co malinconia:

“Che triste l’èsse estraneo in patria tua”,

e detto fatto se n’è ito via.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

3 luglio 2018

Quanti de noi sò come San Tommaso

Quanti de noi sò come San Tommaso

***

Quanti de noi sò come San Tommaso,

ner senzo che pe crede veramente,

lo hanno da vedé, sinnò pe gnente,

nun s’accontenteno d’annacce a naso.

***

Sò tanti quelli che, solo de mente,

raggioneno, ma senza facce caso,

ar fatto che si è un omo e no un travaso

un omo cià quarcosa trascennente.

***

Cià sentimenti e prova senzazzioni,

cià spiritualità, còre e coscènza,

cià turbamenti, sogni e cià passioni.

***

Negà la fede, pe un fatto de scènza,

vòr dì negà nun solo l’emozzioni,

ma de l’umanità stuprà l’essenza.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

1 luglio 2018

Dar Vangelo der giorno – “Gesù e l’emorroissa”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e l’emorroissa”

***

‘Na donna era da tempo emorroissa,

quanno vide Gesù: “Pur che sbarello”,

disse tra sé, “je tocco quer mantello

e Lui me guarirà, senza ‘na rissa”.

***

Fece così e in quer momento er bello

è che ar suo sangue er flusso je se fissa

je se ‘nterompe, er male se inabbissa,

guarisce tra la folla e er suo macello.

***

Gesù che nun s’accorze de la tizzia,

ma de la forza che j’era mancata

ar tocco der mantello Suo, lì inizzia …

***

… a dì: “Chi m’ha toccato” – “Io, malata”.

Lui chiuse co ‘na voce de letizzia,:

“Mó va’ che la tua Fede, t’ha sarvata”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 giugno 2018

Li Santi Patroni

Li Santi Patroni

***

San Pietro in fonno a l’Appia, fòri porta,

stava a scappà quer giorno da li guai,

quanno incontrò Gesù: “Signo’, ’ndò vai?”

“A famme crocifigge un’artra vorta”.

 ***

Allora Pietro disse: “Nun sia mai:

’sta capa mia, da la memoria corta,

che me sia messa in croce, capovorta,

ma Tu Signore no, resti ’ndò stai”.

 ***

San Paolo fu, poi, decapitato,

lì ar Santuario de le Tre Fontane,

ch’er capo a ’gni rimbarzo ha zampillato.

 ***

Guasi a scusasse pe ’st’esecuzzioni,

de tutt’e due a Roma j’arimane

d’aricordalli mó Santi Patroni.

***

Stefano Agostino

________________________________

***