Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

19 novembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “la parabbola de li talenti”

Dar Vangelo der giorno:

“la parabbola de li talenti”

***

 Appena prima de partì pe un viaggio,

un omo dà a li servi li talenti

a uno 5, a un artro 2 e – attenti -

a uno 1 e parte. Er primo, saggio, …

***

… li fa fruttà co boni investimenti

e li raddoppia co granne coraggio,

anch’er seconno uguale, er terzo, gaggio,

sottera quer talento e nun cià aumenti.

***

Quanno aritorna, l’omo chiede er conto:

er primo, cor seconno sò premiati,

p’er frutto dato e reso ner confronto.

***

Ar terzo, ch’er talento s’è anniscosto,

je viè levato tutto e, da gran tonto,

viè subbito cacciato da quer posto.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

18 novembre 2017

Tutto ‘ndetr’a un gesto

Tutto ‘ndentr’a un gesto

***

A vorte er tutto già l’ariempie un gesto,

che preso lì così, singolarmente,

nun vole dì un granché, anzi un ber gnente,

ma che diventa enorme p’er contesto.

***

Succede, infatti, e nun se tiè mai a mente,

che quer trattino s’arivela presto

fondamentale a che poi tutto er resto

se mette a posto, fino a fà er presente.

***

Si ciarifletti, credo che ‘sto fatto

a guardà addietro e a conteggià le dita,

più vorte t’è successo, ossia che a un tratto, …

***

… quer gesto che pe te era un passaggio,

è diventato, ar firm de la tua vita,

 er fonnamento stesso der tuo viaggio.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 novembre 2017

Datte da fà

Datte da fà

***

Pure quanno che gira tutto storto

e nun te riesce de trovà l’uscita,

ricordete che ciài solo ‘sta vita,

 ner caso mai nun te ne fussi accorto.

***

Sei solo tu, fin’a la bonuscita,

(ché dopo è un po’ più tosta si sei morto),

che pòi gestilla, faje cambià vórto,

fà un’artra strada, che nun sia in salita.

***

La forza ce l’hai tu, tutta in te stesso,

è er caso solo che la tiri fòri,

pòi fàllo quanno vòi,  fuss’anche adesso.

***

Nun aspettà ch’er tempo te la sfiori

o de svejatte sotto a quer cipresso

che te fa ombra giusto quanno mori.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 novembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “le dieci vergini”

Dar Vangelo der giorno: “le dieci vergini”

***

C’ereno dieci vergini lì pronte

pe annà de fretta incontro ar loro sposo,

ch’era in ritardo e in modo sospettoso

nun se vedeva manco a l’orizzonte.

***

Le dieci s’addormirono e er riposo

durò fin quanno un grido come ar fronte,

a mezzanotte le svejò e la fonte

era lo sposo a arivà festoso.

***

Sortanto cinque vergini a quer punto,

co l’olio ne le lampade, da sagge,

poterono incontrallo sopraggiunto.

***

Le artre cinque, ar buio pesto e losco,

tardarono pe l’olio e come gagge,

lo sposo le gelò: “Nun ve conosco”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

7 novembre 2017

10 anni fa

10 anni fa

***

Sette novembre der dumilasette,

dieci anni oggi dar primo sonetto,

‘na dedica ar “Nasone” cosiddetto,

la fontanella a Roma, eppoi nun smette.

***

Da quer primo sonetto, un po’ de getto,

ne sò sortiti fòra a braccia strette

ben 1.500 de operette

che nun credevo certo d’avé in petto.

***

10 anni sò passati da quer giorno,

a rimà Roma, sempre e più de prima,

pe un amore che nun cià contorno.

***

Senza pretese d’èsse ito in cima,

ma d’avé fatto breccia co ritorno

in te lettore qui su Roma in rima.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

5 novembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “nun fate come scribbi e farisei”

Dar Vangelo der giorno:

“nun fate come scribbi e farisei”

 ***

Gesù je disse allora: “Praticate,

quer che dicheno scribbi e farisei,

ma ne l’agì nun je fate cortei,

ché nun sapete mica che je fate.

***

Sò oratori bravi, da trofei,

ma quanto a fà, nun ce sorfeggia un vate

pe ariccontà de le parole date,

fardelli più pe l’artri e pe babbei.

***

Vonno l’ammirazzione de la gente,

allungheno le frange e er primo seggio

sempre ha da èsse er loro solamente.

***

Nun fate come loro e abbiate a freggio

de stà a chiamà pe “padre” unicamente

er Padre vostro … er vostro granne preggio”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 novembre 2017

L’appennicati

L’appennicati

***

Li morti nun sò morti, sò addormiti,

appennicati, stracchi de fatica,

pe faje compagnia a ’na vecchia amica,

la sora “Vita” che mó l’ha sfiniti.

 ***

Ner sonno nun se ponno sognà mica,

chi li sta a piagne e li crede sortiti,

né si sò stati più nummeri o miti,

chi ha fatto da cicala o da formica.

***

Se stanno a gustà er tempo senza l’ora,

der giorno in cui nun c’è più diferenza

fra er senzo der tramonto e de l’aurora.

***

Vabbè, pò èsse tutta ’na scemenza,

ma è un modo de penzà che un po’ me ‘ndora,

lo strazzio che de te ciò da stà senza.

***

Stefano Agostino

____________________________

***