Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

17 settembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “settanta vorte sette”

Dar Vangelo der giorno: “settanta vorte sette”

***

Pietro chiese a Gesù: “Rabbì, Signore,

si mi’ fratello me fa un torto in sorte,

io l’ho da perdonà, ma quante vorte?

Sò fin’a sette? Dimme, fà er favore”.

***

Gesù je disse: “Pietro, braccia corte,

settanta vorte sette e cor còre,

si vòi ch’er Padre cor Suo granne amore

perdoni anche te, fin’a la morte.

***

Nun fà come quer servo che ar padrone

doveva daje tanto e fu abbonato,

ma lui, nun fece uguale ar suo garzone.

***

Ché poi er Padrone, quanno l’ha sgamato,

j’ha fatto ingurgità ar gargarozzone

tutto quer che j’aveva condonato”.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 settembre 2017

Madre de l’umanità

Madre de l’umanità

***

Maria era a li piedi de la Croce,

quanno Gesù je disse: “Tu a Giovanni,

da oggi je sei Madre e li sua affanni

conzolali pe sempre” … co ‘sta Voce …

***

der Fìo inchiodato pe l’umani inganni,

Lei co un dolore ar petto ch’è er più atroce

divenne Madre, un attimo veloce

de ‘gni essere umano, gioie e addanni.

 ***

Vedeva er Fìo appeso sopr’ar Legno

da cui er nome Suo de Addolorata,

che je dava un incarico pe segno.

***

De fà da Madre a ‘gni anima ch’è nata

pe destinalla certa un giorno ar Regno

der Fìo che cor Padre l’ha chiamata.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 settembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “la corezzione der fratello”

Dar Vangelo der giorno: “la corezzione der fratello”

***

Gesù je disse: “Si quarche fratello,

ce l’ha co te, e sta in corpa, va’ da lui,

vacce a parlà, e li penzieracci bui,

prova a limalli, senza fà un bordello.

***

Sippoi continua a avé l’idee pe cui

t’ha già stranito, nun lo fà un macello,

co artri due o in assemblea un cervello

pò raggionà, sinnò sò affari sui.

***

E quer che legherete su la Tera,

o sciojerete, pari pari in Cèlo,

sarà legato o sciorto Lì com’era.

***

Già che ce sto, ve levo un artro velo:

si due riuniti, in Nome Mio in preghiera,

chiedeno ar Padre, ottengheno e co zelo”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

5 settembre 2017

Còre e cervello

Còre e cervello

***

Ner dubbio si dà retta più ar cervello

o, invece che la testa, ascortà er còre,

pe nun sbajà, si vòi fàtte un favore,

senti er seconno che nun dà tranello.

***

E nun a caso je fa rima amore,

invece co cervello, indovinello,

tra un dubbio, un quarche impiccio, un questo e un quello,

finisce sempre pe ingorfà er motore.

***

Ar còre nun je s’annisconne er vero,

e chi lo segue guasi mai se pente,

puranche che je dice tutto nero.

***

E pe riprova prova a fà presente

che er còre tra li due è er più sincero,

la testa inganna e nun a caso … “mente”.

***

 Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

3 settembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “rinnegà se stessi”

Dar Vangelo der giorno: “rinnegà se stessi”

***

Ciaveva da soffrì e anche parecchio,

salì a Gerusalemme p’èsse ucciso,

così j’ariccontò e Pietro, deciso,

je disse: “Nun ciannà”, un po’ de sottecchio.

***

Gesù arispose: “Vattene”, conciso,

“Lungi da me, de satana sei specchio,

ma te n’accorgerai, quanno, da vecchio,

dovrai da annà ‘ndó nun l’hai condiviso.

***

Chi vò venì da Me scerga, veloce,

de vive già a rinnegà se stesso,

e accetti inzieme a Me la propia croce.

***

Chi vò sarvà ‘sta vita è da cipresso,

ma chi la perderà pe ‘sta Mia voce

la sarverà, e lì Me verà appresso”. 

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 agosto 2017

Dar Vangelo der giorno: “Simon Pietro”

Dar Vangelo der giorno: “Simon Pietro”

***

Gesù, a li discepoli in preghiera,

je fece allora, in separata sede:

“La gente ve domanna mai, ve chiede

chi so’ e che sto a fà qui su ’sta Tera?

 ***

Vojo sapé si ce sta chi me crede,

e crede a ’sta parola mia, ch’è vera”,

e a la risposta poi chiese a chi c’era:

“E voi che dite? So’ o nun so’ l’erede?”

 ***

“Tu sei Cristo Gesù, ch’è er Fìo de Dio”,

rispose, trasparente com’er vetro,

Simone er pescatore e Gesù: “Io…

 ***

…dico che sei la pietra, e sarai Pietro,

su cui fonnà la chiesa, e er mazzo mio

de chiavi de Lassù, ma viemme addietro!”

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 agosto 2017

Un anno fa Amatrice

Un anno fa Amatrice

***

Un anno fa Amatrice s’è addormita

in quela notte, er 24 agosto,

quanno ‘gni cosa stava ar propio posto,

a sonnecchià prima de èsse svanita …

***

… ner còre più profonno e più anniscosto

da un maledetto rombo senza uscita,

che in un minuto sa sdrajà la vita,

che crolla inzieme ar tutto più riposto.

***

Certezze, case e strappi de vacanza,

co l’alegria in caciara ch’è nostrana,

dentr’ar tremore de la nera danza …

***

… der mostro de la tera che già spiana

quer che le scosse fanno dopo a ortranza,

e ‘gni parola già diventa vana, …

***

… le peggio de chi chiacchiera in sostanza,

pe un granne ingozzo ancor de amatriciana,

senza curasse de dà ‘na speranza …

***

… che nun sia solo de voti assai ruffiana,

a chi, a un anno oggi de distanza,

sta fermo a quela notte gran puttana.

***

Ma chi sonetta quer che penza e dice,

sa che a la fine vincerà AMATRICE.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

***