Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

22 aprile 2018

Dar Vangelo der giorno: “er bon pastore”

Dar Vangelo der giorno: “er bon pastore”

***

Gesù poi je parlò de pecorelle,

che passeno la porta der recinto,

ne l’ascortà la voce che l’istinto

je fa conosce a tutte quante quelle.

***

La voce der pastore, er quale ha spinto

de fòri a pasce er gregge, mai ribbelle,

ché sa chi è e che da artre favelle,

nun viè mai commannato e manco avvinto.

***

Poi spiegò tutto a chi nun lo comprese:

Gesù è la porta ar gregge e quer pastore,

le pecore sò er popolo che attese …

***

… e nun seguì er richiamo truffatore

de ladri e de briganti, ma che intese

la voce de Sarvezza der Signore.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

18 aprile 2018

Perfetto ner difetto

Perfetto ner difetto

***

Io nun ce tengo no a èsse perfetto,

eppoi ma che vor dì la perfezzione?

Co quale metro? Quale paragone,

se giudica si un omo è storto o retto?

***

A parte che sa già de presunzione

aritenesse senza un neo, coretto,

ma a vorte è propio giusto in quer difetto

che un omo lo s’apprezza e co raggione.

***

La perfezzione mica è de ‘sto monno,

s’ha da cercà, d’accordo, ma è un traguardo

che t’avvicini e lui se sposta in fonno.

***

Eppoi si so’ imperfetto e m’ariguardo

ner dentro der me stesso più profonno,

a mijorà, posso provà un azzardo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 aprile 2018

Concetto de felicità

 Concetto de felicità

***

Felicità, che strana senzazzione,

nun è pe tutti, ma n’è detentrice

quela perzona che, manco lo dice,

ma je se legge in faccia la raggione.

***

Felicità nun è mica oppignone,

ma è ‘no stato de chi benedice

quer che possiede e che lo fa felice,

senza mai usà metro de paragone.

***

C’è chi è felice e se ne rènne conto,

ma solo quanno er tempo j’è passato

perdennose er mejo der racconto.

***

Er più felice è chi l’è sempre stato,

no pe fortuna, ma perché sta pronto

a dì che quer che cià è tutto incantato.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 aprile 2018

Dar Vangelo der giorno: “Pace a voi”

Dar Vangelo der giorno: “Pace a voi”

***

Così Gesù je disse: “Pace a voi”,

ma vide li discepoli turbati,

“Nun so’ un fantasma, ciò li connotati

de chi era morto e è risorto poi.

***

Toccate, mano e piedi traforati,

so’ carne e ossa vive e no d’eroi,

ciavete da magnà?” – “Der pesce, vòi?”

E lo magnò tra sguardi estasiati.

***

“Come sta scritto”, allora poi riprese,

“er Cristo aveva da soffrì er supplizzio

de quela Croce pe lavà l’offese …

***

… antiche e li peccati da l’inizzio,

pe poi arisorge e accoje a braccia tese

 chi se converte e nun pe fà er Giudizzio”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 aprile 2018

Chiude la stalla

 chiude la stalla

Chiude la stalla

******

‘Gni vorta che succede ‘na traggedia,

c’è sempre chi è bravissimo a stà a galla,

pronto com’è a chiude ormai la stalla,

a bovi usciti fòri de commedia.

***

Sa già come in futuro pò evitalla,

mentre se fa inquadrà da tivvù e media,

ma mai ‘na vorta che molli sedia

e córa in tempo pe turà la falla.

***

Ché prevenì è mejo de la cura,

è frase da pubbricità corente,

che vole spese folli pe curtura.

***

Ch’è assai mejo fà finta de gnente

e obbrigà a fà mette la cintura,

sortanto dopo er chioppo e l’incidente.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 aprile 2018

La Grotta de la Rivelazzione

In occasione del 71esimo anniversario dell’Apparizione

di oggi 12 aprile pubblico nuovamente il sonetto 

***

La Grotta de la Rivelazzione

***

È er posto ’ndó aricupero me stesso,

quanno che ciò ’na preoccupazzione,

si ciò bisogno de concentrazzione,

o senza un quarche quanno o un quarche nesso.

 ***

A la “Grotta de la Rivelazzione”,

nun sò spiegà er perché, ma già a l’ingresso,

er monno fòri e quer che je va appresso,

sparisce co ’gni sua conformazzione.

 ***

E come je successe ar Cornacchiola,

m’abbasta guardà in fonno a quela Grotta,

pe spegne ’gni artro sguardo e ’gni parola …

 ***

… e famme uscì, ma co la voce rotta,

“bella Signora”, e già ’sta frase sola,

m’abbasta a azzittì er còre che borbotta.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 aprile 2018

Benvenuta Chiara

Benvenuta Chiara

***

Quanno t’ho visto abbraccicà Chiaretta,

spettacolo d’amore, cinto ar petto,

io t’ho arivisto quann’eri un bimbetto

sur passeggino e ar monno dije “aspetta”. 

***

Quer regazzino, l’occhi da furbetto,

è diventato padre, e ‘sta pupetta

che se la tiè su ar còre bella stretta,

è pari a lui quant’a batuffoletto.

***

Co l’occhi schiusi ar monno  che arischiara,

e gnente cià più granne luccichio,

de lei che a ciuccià er latte intanto impara.

***

Regalo che pò solo donà Dio,

pe voi Andrea e Vincy, e er nome è Chiara

de cui me sento ufficiarmente zio.

***

Stefano Agostino

__________________________

***