Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di marzo 7, 2011

La Roma in rima,Poesie romaniste

7 marzo 2011

Leggi qua sotto

leggi qui sottoLeggi qua sotto

***

Stavorta prima de ‘ndossà la majja,

guardala bene, guardaje l’emblema,

nun te la senti? Ok, nun è un probblema,

nun è pe te la lotta e nun se sbajja.

***

Ma si la guardi e invece quer diadema,

te porta a scenne in campo e dà battajja,

nun fà passà artro tempo come in naja,

baciala prima e segui sto teorema.

***

Vai, scenni in campo e difenni Roma,

co l’unico obbiettivo de fà meta,

lottanno senza mai chinà la chioma.

***

Er resto lo sai tu che sei un atleta,

cor vanto enorme e senza mai la soma

de avè la mejo majja der pianeta.

***

Stefano Agostino

 

I sonetti romani,Schegge di vita

La vista

la vista

La vista

***

Quanno che apri l’occhi appena svejo,

‘n attimo prima che poi t’arzi in piedi,

si guardi attorno e osservi che ce vedi,

t’accorgi che nun c’è gnente de mejo.

***

Un raggio de sole entra e si te chiedi,

ner centro pieno de quer dormivejo,

 quanto pò èsse bello sto risvejo

su li penzieri infami soprassiedi.

***

Già in ACCADDI’ e tridimenzionale,

‘na gamma de colori arcobbaleno,

senza decoder, schede e diggitale.

***

Magari sbajerò a VEDE’ er sereno

pure ner cielo pesto a temporale

lo so, nun me ne pò fregà de meno.

*** 

Stefano Agostino

______________________________