Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di marzo 20, 2011

La Roma in rima,Stagione 2010/11

20 marzo 2011

Fiorentina – Roma

fiorentina - romaFiorentina – Roma: 2-2

***

Se torna a casa co in tasca un pareggio,

che forze vale più de un solo punto,

du vorte sotto e pali pe l’appunto

stanno a ‘ndicà: poteva annacce peggio.

***

Questo più o meno er succo, ossia er riassunto,

semo riusciti a guadagnacce un seggio,

du vorte rimontanno l’artrui sfreggio,

grazzie a Totti, che è er valore aggiunto.

**

Er primo, su rigore, go ducento,

finora qui a Firenze mai nessuno,

e nun poteva regge sto lamento.

***

E dopo er pari, go ducentouno,

come pe dì ar monno poco attento,

FRANCESCO TOTTI E’ IL NUMMERO UNO.

***

Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

Romaratona

romaratona

Romaratona

***

Quarantadu chilometri er percorzo,

artri ducento metri poco meno,

pe Roma intera se snoda sto treno,

d’omini e donne amanti de sto sforzo.

***

‘Na pettorina lì davanti ar seno,

er cardiofrequenzimetro sur porzo,

le facce stanche de chi s’è già corzo,

cent’artre maratone senza un freno.

***

E mentre er gruppo sfila, còre e tira,

da li Fori Imperiali a la Moschea

pare che Roma ‘ntera s’ariggira.

***

Ma nun c’è gogna, ne rupe tarpea

pe chi se ferma e Roma s’ammira,

nun c’è MORS TUA, ma solo VITA MEA.

**

Stefano Agostino

___________________________


Canzoni e Personaggi

Ninna nanna nanna ninna