Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di marzo 21, 2011

I sonetti romani,Schegge di vita

21 marzo 2011

La Primavera

la primavera

La Primavera

***

Ariva guasi che nun te n’accorgi,

e in un momento l’arberi pittura:

ar griggio scuro de corteccia dura,

je passa er verde lucido che scorgi.

***

E s’addorcisce la temperatura,

si presti orecchio e l’occhio j’arivorgi,

t’affacci, abbasta solo che te sporgi,

è un’esplosione viva la Natura.

 ***

La prima pennellata viè de Marzo,

ma è sor Aprile a tinteggià er paesaggio,

come un pittore bono e no uno scarzo.

 ***

L’ucelli in cèlo dicheno ch’è Maggio,

la frutta ariempe tavole de sfarzo,

er Sole dona a Giugno er mejo raggio.

***

Stefano Agostino

____________________________