Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di marzo 22, 2011

I sonetti romani,Romanamente

22 marzo 2011

La pioggia te bagna, er vento t’asciuga

la pioggia te bagna er vento t'asciuga

La pioggia te bagna, er vento t’asciuga

***

T’ammiro amico: la pioggia te bagna,

e come gnente, poi, er vento t’asciuga,

filosofia de chi se ‘ntartaruga

e dentr’ar propio guscio nun se lagna …

***

… pe li probblemi e de ogni ruga,

e nun se piagne addosso e lì ristagna,

pure che manca un piatto de lasagna,

e je tocca ‘na foja de lattuga.

***

C’è chi te bolla pe menefreghista,

e chi lo fa cià quasi sempre er grugno,

pure che sta in vacanza e fa er turista.

***

Ma è a lui che la pressione je se arza,

e pe ‘gni cosa sbatte sempre er pugno,

quanno che te soridi e t’arimbarza.

***

Stefano Agostino

______________________________