Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di marzo 26, 2011

I sonetti romani,Romanamente

26 marzo 2011

Ora legale

ora legale

Ora legale

***

Te spiego che vòr dì l’ora legale,

quanno che viè ‘gni vorta tocca fallo,

e nun se sa perchè ce sta sto giallo,

pure che tutti l’anni è sempre uguale.

***

S’ha da pijà l’orloggio e rispostallo

un’ora avanti, pure che va male,

ma tocca fà così, dice, è ufficiale,

quanno s’allunga er giorno e fa più callo.

***

A l’urtima domenica de marzo,

se sposta tutt’er tempo un’ora avanti,

da la sveja der cuccù fino ar quarzo.

***

E’ un’ora, ma cià effetti devastanti,

che quann’è lunedì che poi me arzo,

rischio de chiamà in causa anche li santi.

***

Stefano Agostino

______________________________