Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di marzo 29, 2011

I sonetti romani,Romanamente

29 marzo 2011

La carma

la carma

La carma

***

Te ‘nvidio, amico mio, pe quela carma,

che porti appresso a te in ogni dove,

sia che c’è er sole o è nuvolo o che piove,

de la tranquillità ciai fatto un “karma”.

***

Riesci a contà da uno fino a nove,

finchè la rabbia tua tutta te se sparma,

quanno se ‘ncazzerebbe anche ‘na sarma,

tu ciai ‘na flemma che manco te smove.

*********

Me presti quer soriso canterino,

che riesci a fà quanno che sei ‘nguajato

stampato in faccia dar primo matino?

*****

Vorebbe èsse placido e placato

pur’io che ‘nvece parto fumantino,

e appena dici: “A”, già t’ho magnato.

****

Stefano Agostino

__________________________