Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di maggio, 2017

I sonetti romani,Schegge di vita

31 maggio 2017

Dar Vangelo der giorno: “la Visitazzione de Maria”

Dar Vangelo der giorno: “la Visitazzione de Maria” 

 ***

Dopo quer fatto de l’Annunciazzione,

Maria s’arzo e de tigna, in tutta fretta,

annò da la cuggina Elisabbetta,

pe visitalla in de la gestazzione.

***

Quann’arivò la salutò perfetta

e appena salutata … “Che emozzione”

- je fece la cuggina – “e che scossone,

m’ha dato er pupo  …  Tu sia benedetta …

***

… tra donne e che sia benedetto er frutto

der Tuo grembo, perché Tu hai creduto

a la Parola, a Dio e ai Suo Costrutto”.

***

No come Zaccaria che mó era muto,

ché nun credette a l’Angelo, ber putto,

sur fìo Giovanni che ciavrebbe avuto.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

30 maggio 2017

30 maggio 2017

30 maggio 2017

***

Un misto d’amarezza e nostargia,

er 30 maggio sempre e più quest’anno,

de un’artra storia, un artro capodanno

der dopo-Totti e che malinconia.

***

Quela finale e ancora me ce addanno,

mannaggia a li rigori, che follia,

e Ago che decide d’annà via

dieci anni dopo … data de rimanno.

***

‘Na cosa me conzola solamente

avé giocato anch’io quela finale,

e avé tifato incessantemente …

***

… pe Agostino e er venticinquennale

de Totti co ‘sta maja e pe ‘sta gente …

gnente che mai potrà sapé er lazziale!

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2016/17

28 maggio 2017

Roma – Genoa

Roma – Genoa: 3-2

***

Che vòi rimà, ché sto a piagne pe Totti,

che manco quanno ch’ero un regazzino,

er CAPITANO eterno ch’er destino

cià arigalato … sì segna Perotti.

***

Vabbè hai vinto … ma come un bambino

sto a lagrimà pe l’anni initerotti

sò 25, e tu che te borbotti,

si penzo solo a Checco e a lui me ‘nchino?

***

Ché oggi a me de ‘sto seconno posto

de un’importanza pur fonnamentale,

me frega guasi gnente da qui a agosto.

***

Me tengo dentr’ar còre, e tanto vale,

avé avuto Francesco .. e quant’è tosto,

sapé che da domani gnente è uguale.

***

Stefano Agostino

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 28.5.17 Roma-Genoa

***

******

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: l’Ascenzione

Dar Vangelo der giorno: l’Ascenzione

***

Mancava poco a l’Ascenzione in Cèlo,

quanno Gesù je disse ner saluto,

’na cosa granne a l’urtimo minuto,

che indentro a sé cià er senzo der Vangelo.

***

“Io sargo ar Padre, ma nun vo via muto,

anzi starò co voi fin pelo pelo,

ch’er monno tira giù a sipario er telo,

finirà er tempo co un chi ha avuto, ha avuto.

 ***

Potrete chiede ar Padre, in nome mio,

qualunque cosa, Lui ve darà ascorto,

fidateve e credeteme, so’ er Fìo.

 ***

V’aricordate che Io ero morto,

(no, dico morto ?!?) e Lui, da vero Dio,

er terzo giorno dopo m’ha risorto!”

 ***

Stefano Agostino

_______________________________

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

27 maggio 2017

Capitano eterno

Capitano eterno

***

Grazzie France’ pe tutto quer ch’hai fatto

pe ‘sta città e ‘sta maja e noi tifosi,

li go’, li assist e guizzi portentosi,

gioia pe vista, gusto, udito e tatto.

***

Er naso hai fatto storce a l’invidiosi,

pe nun avé rescisso mai er contratto,

legato a ‘sti colori e co ‘gni tratto

romano distillato a stà in simbiosi.

***

Perzino chi ‘na vita t’ha osteggiato

mó ariconosce che sei tu er più forte

che in ‘sta città da sempre ha mai giocato.

***

E che pe sempre, detto in de ‘st’idioma,

cor dieci su la maja a sfonnà porte,

 è er Capitano eterno de la Roma.

***

Stefano Agostino

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Capitano eterno

***

******

I sonetti romani,Schegge di vita

26 maggio 2017

San Filippo Neri

San Filippo Neri

***

Un santo, passaporto fiorentino,

ma ch’ha vissuto tutto er tempo a Roma,

ar punto da intuì e parlà ‘st’idioma,

si nun è apostolo, ce va vicino.

***

Li tratti tutti sin dar cromosoma,

de chi soride ar sole der matino,

giullare più der mejo regazzino,

è San Filippo Neri cor diploma …

***

… de chi ha vissuto pe portà er Vangelo

e la Sua Gioia a stampo fisso in viso,

senza annisconne gnente addietro a un velo.

***

Famoso “State boni” cor soriso

“ma si potete” e l’occhi dopo ar Cèlo,

pe dì: io preferisco er Paradiso.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 maggio 2017

Er male fatto

bene e male

Er male fatto

******

Chi fa der male, fatto in corpo e mente,

no quello che pò fà senza volello,

lo dico come fusse mi’ fratello,

lo paga, prima o dopo o ner presente.

***

Non tanto perché pò finì ar Burello,

che fórze je ne frega poco o gnente,

ma er male fatto in danno a l’artra gente,

ricasca addosso in vita e senza appello.

***

Ce pòi nun crede, nun pretenno mica,

da fàtte cambià er modo der penziero,

e chiudi qui, arisparmia ‘sta fatica.

***

Si invece penzi che io sto a dì er vero

e che ‘sta voce te pò èsse amica,

tu daje retta e tigni rosa er nero.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***