Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di maggio 10, 2017

I sonetti romani,Romanamente

10 maggio 2017

Come stai?

Come stai?

***

Me chiedo e m’arisponno guasi apposta,

(nun so si pure a te capita mai)

quanno quarcuno chiede: “Come stai?”,

si poi je frega tanto la risposta.

***

Ce stanno quelli, e penzo ce lo sai,

che a chiedelo lo fanno pe proposta,

pe fasse poi arisponne: “E tu?” e te costa

de stà a sentì li loro impicci e guai.

***

C’è chi lo chiede solo pe pro-forma,

ma sta a penzà che cià le palle piene,

de te e de tutto quer che te conforma.

***

Quarcuno, da magnacce pranzi e cene,

lo chiede veramente e si se ‘nforma,

lo vò sapé perché te vole bene.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***