Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di maggio 13, 2017

I sonetti romani,Schegge di vita

13 maggio 2017

Bon compreanno

Bon compreanno

***

Te vojo arigalà un par de parole,

ner giorno giusto der tuo compreanno,

du’ strofe a festeggià ’sto capodanno,

ch’è solo er tuo, nun è quello der Sole.

 ***

L’augurio che nun sia come se fanno,

tanto pe falli, ma come Dio vole,

che scenna ner profonno e faccia spole,

su e giù tra pelle e còre e de rimanno.

 ***

No de riceve cento e più regali

o de fà viaggi tra Equatore e fiordi

o vive mille è più de ’sti natali.

 ***

Io t’auguro più un bene, senza bordi,

l’affetti intorno eppoi de fà reali,

li sogni che nun compri co li sòrdi.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Bon compreanno

***

******