Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di giugno 1, 2017

I sonetti romani,Romanamente

1 giugno 2017

Er portroncellum

Er “portroncellum”

***

Balletto su la legge elettorale,

intanto er tempo passa e la penzione

da ex-parlamentare sur groppone

se riesce a prenne tutti, e menomale.

***

Intanto c’è quer popolo cojone,

che nun protesta più, tutto è normale,

l’italia ch’è aridotta a un gran pitale,

ma a chi je va de fà rivoluzzione?

***

E parleno de soje e sbaramenti,

percentuali e cifre da imbarazzo,

de larghe intese e granni schieramenti.

***

Politicanti tutti da strapazzo,

senza programmi e manco intennimenti,

sinnò de nun levasse mai dar cazzo!

***

Stefano Agostino

_________________________

***