Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di giugno 6, 2017

I sonetti romani,Tempi d'oggi

6 giugno 2017

Baciamo le mani

Baciamo le mani

***

Me pare giusto, si sta tanto male,

che metti pò morì da un anno a l’artro,

famolo uscì dar carcere, perartro,

lì nun se pò curà, certo è normale.

***

Der resto si è taluno o si talartro,

che conta si è assassino occasionale,

o capo-mafia, peggio criminale,

“Capaci” e “Via D’Amelio” è lui lo “scaltro”.

***

Paese ch’è ben più de Purcinella

‘na morte dignitosa a Totò Riina,

che pò così usci da quela cella.

***

Fasse curà co quarche medicina,

pe fà felice chi ce se affratella,

“bacia le mani” e ar boss ancor se ‘nchina.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***