Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di giugno 8, 2017

I sonetti romani,Schegge di vita

8 giugno 2017

Oceani

Oceani

***

Qui pe rimallo ce vorebbe un cantico

‘na goccia d’acqua in modo immagginifico

diventa, a forza de un fiumà magnifico,

da quer suo stato ch’è più o meno quantico …

ééé

… a ingigantì ar passaggio più munifico,

nun solo pe l’appello suo semantico,

de qua mare, eppoi, oceano Atlantico,

de là Indiano e ortre poi Pacifico.

***

Da goccia d’acqua a oceano pe meta,

ner ciclo inesauribbile da sfonno,

pe colorà de blù tutto er pianeta.

***

Dar tempo quanno Adamo fece un sonno

e Dio je diede Eva, che disseta

je fa da bagnasciuga tutt’er monno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Quer firm chiamato “Vita”

quer firm chiamato vita 

Quer firm chiamato “Vita”

***

‘Gni omo è ar centro de ‘na sola storia:

er firm che vive, intitolato “Vita”,

da quanno nasce, fino a che è finita,

co ‘na sconfitta, ahimé, o ‘na vittoria.

 

La cinepresa su de lui è accanita,

e gira scene da mannà a memoria,

senza copione, de tristezza o gloria,

seconno come er nastro lo riavvita.

***

E tutto rota e prenne vita intorno,

mentre lui passa e l’artri a fà comparze,

protagonista è lui, l’artri er contorno.

***

Ar centro de ‘sto firm ce sta ‘gni “io”,

che sceje scene e parti, vere o farze,

reggista a batte er ciak, è sempre Dio.

***

Stefano Agostino

__________________________

***