Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di giugno 12, 2017

I sonetti romani,Romanamente

12 giugno 2017

E anche stanotte se dormirà domani

E anche stanotte se dormirà domani

***

Comincia già a fà callo e pure forte

de quelli a stampo d’Africa de foco,

che nun se trova un posto fresco, un poco,

nemmeno a aprì finestre, spazzi e porte.

***

De quelli che nun sò come un ber gioco

ch’è bello a durà poco e a vorte,

ma che bene che va, si è bona sorte,

dureno sette giorni pressappoco.

***

“È er tempo suo, che ce vòi fà?” – Gnente!

Ma grazzie ar cazzo, penzo, tu stai ar mare,

nun devi lavorà … no, chi te sente…

***

… e anche stanotte co afa e zanzare

se dormirà domani … si ciài presente,

che stai in vacanza e fai come te pare. 

***

Stefano Agostino

____________________________

***