Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di giugno 16, 2017

I sonetti romani,Romanamente

16 giugno 2017

L’erba der vicino

L’erba der vicino

***

L’invidia brutta bestia, dice er detto,

nun c’è bisogno de spiegallo, è chiaro,

è un sentimento che lassa l’amaro

in chi lo prova e in chi viè lì a soggetto.

***

Chi invidia ce lo sa che paga caro

quer suo rismucinasse indetr’ar petto,

che vede in ‘gni artro er navigà perfetto

e in lui ‘na nave che nun fa mai er varo.

***

E spesso nun se chiede e nun s’accorge

che l’erba der vicino ch’è più verde,

come la vede lui, come la scorge …

***

… ner vero esce fòri ch’è mimetica,

che annisconne l’acciaccà le merde,

ch’è verde sì, ma ch’è d’erba sintetica.

***

Stefano Agostino

____________________________

***