Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di giugno 19, 2017

I sonetti romani,Romanamente

19 giugno 2017

Er lunedì

Er lunedì

***

Si un giorno me faranno imperatore,

comannerò cercanno d’èsse bono,

ma prima ancora de sedemme ar trono,

der lunedì sarò er perzecutore.

 ***

Nun je darò la grazzia, né er perdono,

je tojerò perzino er difenzore,

si becco mai chi è stato l’inventore,

dovrà contà le sberle che je sòno.

 ***

Se stava tanto bene fino a ieri,

senza la sveja e senza l’orologgio,

senza dolori, guai, noie e penzieri.

 ***

Ma mó che, tutt’a un tratto, ha preso alloggio,

voressimo da èsse parucchieri

o fallo martedì pe daje sloggio.

***

Stefano Agostino

_________________________

***