Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di agosto 11, 2017

I sonetti romani,Schegge di vita

11 agosto 2017

Riscossa

 riscossa

Riscossa

 ******

Quanno dài tanto e nun te viè mai reso,

quanno te spacchi in quattro e nun abbasta,

quanno ch’er monno attorno è più ’na casta,

che t’ha lassato fòri, appeso, steso…

 ***

Quanno ch’è l’ora ormai de dije BASTA,

d’arzà bandiera bianca de l’areso,

ché nun l’areggi più a portà quer peso

e ciài er morale peggio che a mezz’asta…

 ***

… Fa’ un ber respiro e guardete a lo specchio

e lì de fronte a te che sei arifresso,

prova a ditte così, prestanno orecchio:

 ***

“Quello ch’è stato è stato. E conta, adesso,

ch’io me so’ rotto er cazzo e de parecchio,

vojo penzà, da oggi in poi, a me stesso”.

 ***

E prima de struscià er fonno der secchio,

penzace tu a scaricà ner cesso,

chi t’ha trattato come straccio vecchio…

***

Stefano Agostino

_________________________

***