Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di agosto 18, 2017

I sonetti romani,Romanamente

18 agosto 2017

Er pettegolo

Er pettegolo

***

Stai sempre a mormorà de questo e quello,

nun ce n’è uno ar monno che va bene.

E t’amareggi er sangue ne le vene,

in de l’afflusso tra er còre e er cervello.

***

Stai sempre pronto, co le gote piene,

a vomità parole in ritornello,

in grado de tajà come un cortello,

contro chiunque, e pure si cià pene.

***

Ce n’hai pe tutti, eppoi de tutti quanti

conosci a menadito ‘gni difetto,

le storie più anniscoste e più scottanti.

***

 Però quanno quarcuno più diretto, 

te fa notà li impicci tua … (e sò tanti)

risponni: “No, io no, io so’ perfetto”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***