Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di agosto 19, 2017

I sonetti romani,Schegge di vita

19 agosto 2017

Me viè de getto

Me viè de getto

***

Me so’ rimato a tempo ‘sto sonetto,

pe stà a risponne a la domanna: “come

me viè da scrive” e, a daje un soprannome,

lo intitolo così: “Me viè de getto”.

***

Buttato giù com’è, poi penzo ar nome,

cercanno er più spontaneo, er più diretto,

dopo er quattordicesimo verzetto,

ce metto er fiocco co nome e cognome.

***

“Me viè de getto”,  è un titolo d’esempio,

che spiega scrive in verzi l’impressioni,

 venute lì, senza che me ce stempio.

***

Penzieri, spunti, idee e riflessioni,

(si sbajo chiedo scusa a Stato e Tempio),

che manno in giro in cerca d’emozzioni.

***

Stefano Agostino

______________________

***