Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di agosto 26, 2017

La Roma in rima,Stagione 2017-18

26 agosto 2017

Roma – Inter

Roma – Inter: 1-3

***

Ar terzo palo s’è capito tutto,

come finiva male ‘sta partita,

ar legno de Perotti, er terzo, è ita,

e se restava qui tutti a l’asciutto.

***

Er go’ de Dzeko che vale ‘na vita,

nun regge contro er gioco e er suo costrutto

de chi cià er fato da la sua, e dà frutto

a ‘gni azzione che je viè ‘mbastita.

***

Peccato perché nun se meritava,

certo de perde poi co ‘sto punteggio,

che aumenta più er rimpianto e più la bava.

***

E quer che più arivorta e ancora è peggio,

è fà felice l’omo che allenava

la Roma l’anno scorzo … e qui è lo sfreggio.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

E ce mancava giusto Polifemo

E ce mancava giusto Polifemo

***

E ce mancava giusto Polifemo,

l’ennesimo anticiclone estivo,

tremenno armeno pari a quer cattivo

Lucifero de inizzio agosto, temo.

***

Sta a fà un 2003 più recidivo,

un callo afoso senza mai ‘na demo

de pioggia o temporale e qui me spremo

memoria de meningi a chi è più attivo.

***

Cor rischio siccità e de stà a l’asciutto

ché le riserve d’acqua nun sò eterne

bisogna da sperà ner “tempo brutto”.

***

Che ariempia fiumi e cormi le cisterne,

e arinfreschi l’aria dapertutto,

quinni quer “brutto” poco je concerne.

***

Stefano Agostino

___________________________

***