Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di settembre, 2017

I sonetti romani

30 settembre 2017

Trilussa – L’eroe ar caffè

trilussa - l'eroe ar caffè

L’eroe ar caffè

***

E’ stato ar fronte, sì, ma cor penziero,

però te dà le spiegazzioni esatte

de le battaje che nun ha mai fatte,

come ce fusse stato pe davero.

***

Avresti da vedè come combatte

ne le trincee d’Aragno. Che gueriero!

Tre sere fa, pe prenne er Montenero,

ha rovesciato er cuccomo der latte.

***

Cor su sistema de combattimento

trova ch’è tutto facile: va a Pola,

entra a Trieste e bombarda Trento.

***

Spiana li monti, sfonna, spara, ammazza,

“Pe me – borbotta – c’è ‘na strada sola”

e intigne li biscotti ne la tazza.

***

Trilussa

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 settembre 2017

29 settembre: festa de l’Arcangeli

29 settembre: festa de l’Arcangeli

***

In sopr’ar pizzo de tutte le schiere

de l’Angeli de fronte a Dio sospesi

pe preservà er mistero Suo e tesi

a rènne viva da le alte sfere …

***

… la Sua presenza a l’omo, sò distesi

l’Arcangeli che pe Cerimoniere

ciàn compiti distinti pe mestiere,

senza che se distingueno pe pesi.

***

Michele che de satana è avverzario,

che sta a protegge er popolo de Dio,

poi Gabriele, che fa er Suo emissario.

***

C’è Raffaele, quinni, mai restio

a medicà e soccore missionario,

e l’omo pò avvalesse de ‘sto Trio.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

27 settembre 2017

Qarabag – Roma C.L.

Qarabag – Roma: 1-2

***

Se vince, ma co granne sofferenza,

che francamente pare un po’ eccessiva,

era inizziata da locomotiva,

che poi ha tirato er freno d’emergenza.

***

Du’ a zero un quarto d’ora, squadra viva,

de Manolas e Dzeko la presenza

ar tabbellino, poi cala la benza

e segna er Qarabag, che se ravviva.

***

Conteno li tre punti pe missione,

da pià in trasferta, sempre benvenuti,

ma da evità ‘sti cali d’attenzione.

***

Senza annà a fà però processi arguti,

quanno se vince, tutto va benone,

vince la Roma. E a voi, tanti saluti.

***

Stefano Agostino

***

***

I sonetti romani,Romanamente

26 settembre 2017

Er torcicollo

women with back ache

Er torcicollo

***

Che gran rottura ch’è sto torcicollo!

Un corpo d’aria o ‘na fesseria,

io so sortanto che, quanno me pìa,

me ‘mpala da sembrà l’omo in ammollo.

***

Cercanno un modo pe mannallo via,

me movo come che se move un pollo,

e su e giù, e indietro e avanti er collo,

me sembro ‘na stampella in tintoria.

***

Avoja a massaggiamme spalle e schiena,

so’ fermo qui inchiodato da un par d’ore, 

come sta un carcerato a la catena.

***

“Cervicobrachialgia”, dice er dottore,

co un sorisetto che pare ’na jena,

come si a dì così, passa er dolore.

******

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Bolla der cojone

Bolla der cojone *

**

Ariva er tempo, mejo dì er momento,

che, come a un tratto, te scatta ‘na molla,

t’accorgi ch’hai vissuto in de ‘na bolla,

credenno d’èsse libbero e contento.

***

‘Na bolla che ‘gni vita te l’accolla

co li probbremi e in de ‘gni lamento,

der prossimo a cui ce stavi attento

fin quanno come gnente tutto crolla.

***

Succede quanno che te renni conto

che vale solo pe ‘na direzzione

er tuo rapporto e ‘gni artro ar suo confronto.

***

Ché si ciài tu ‘na preoccupazzione

cor cavolo che trovi l’artro pronto …

Cambio reggistro … nun so’ più un cojone!

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 settembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “er Padrone de la Vigna”

Dar Vangelo der giorno: “er Padrone de la Vigna”

***

“Er Regno – disse – è come quer Padrone

che cerca chi lavora la Sua vigna,

così che sorte a l’arba, eppoi, de tigna,

sta fin’a sera a reclutà perzone.

***

Esce a le nove e a mezzodì e risvigna

pure a le tre e a le cinque, stessa azzione,

vòle trovà chi è senza occupazzione,

pe fàllo guadambià, così nun sghigna.

***

A sera je dà a tutti quanti un sòrdo,

quarziasi ora se sò presentati,

e si li primi nun saran d’accordo …

***

… d’èsse l’uguali a l’urtimi pagati,

Lui je dirà così: “Io v’aricordo

che noi pe un sòrdo se semo accordati …

***

… così sarà Lassù, pe fà un raccordo,

succederà che l’urtimi arivati,

  saranno primi Là a salì a bordo”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

23 settembre 2017

Roma – Udinese

Roma – Udinese: 3-1

***

Terza vittoria che se mette in fila,

un go’ de Dzeko e due der Faraone,

granni giocate, granne prestazzione,

a chiude ‘sto discorzo e ‘sta trafila.

***

Senza ‘na sofferenza, né un magone,

c’è l’Udinese che frattanto sfila,

la Roma, tiri in porta diecimila,

‘gni vorta se presenti l’occasione.

***

C’è tempo pure de sbajà un rigore,

un artro palo, ch’ormai è un’usanza

a cui la Roma è avvezza … er tempo score …

***

… se pìa poi un go’ che nun ce dà lagnanza,

né a ‘sta partita je toje er colore

ch’è giallo e rosso, appunto, d’ordinanza.

***

Stefano Agostino

***

***