Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di ottobre, 2017

La Roma in rima,Stagione 2017-18

31 ottobre 2017

Roma – Chelsea C.L.

Roma – Chelsea: 3-0

***

Nun so nemmanco io da ‘ndove inizzio

pe ariccontà ‘st’immenza prestazzione,

tutto perfetto, da la prima azzione,

fin quanno nun s’è chiusa co ‘sto sfizzio.

***

Ché poi a chiamallo sfizzio è ‘na finzione,

è ‘na goduria che me ce delizzio

da qui fin’a quanno andrò in ospizzio,

de certo fin’a ortre la penzione.

***

Tre a zero, dice tutto, dice poco.

Du’ go’ der Faraone eppoi Perotti,

a dimostrà che c’è pure un gran gioco.

***

Tutta la squadra fa scintille e botti

e lassa ‘gni tifoso a strillà roco

pe ‘sta vittoria che vale ‘ste notti.

***

Stefano Agostino

***

***

I sonetti romani,Romanamente

Festa de che?

Festa de che?

***

E ciarisemo co ‘sta ricorenza,

ché a chiamalla festa m’arivorta,

sarò un ber bacchettone, nun me ‘mporta,

de Halloween però io faccio senza.

***

A festeggià poi che? La gente morta?

Fantasmi, streghe e tutta la parvenza

de scheletri e de teschi e rimanenza

de tombe scoperchiate e gufi a scorta.

***

Si nun c’è male a fà giocà un pupetto,

risponno che ce stanno tutto l’anno

feste pe fallo divertì a soggetto.

***

Se ne ponno creà si nun ce stanno,

nun è né p’er dorcetto o lo scherzetto,

ma pe chi se festeggia de rimanno.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

30 ottobre 2017

Un lunedì ch’è giovedì

Un lunedì ch’è un giovedì

***

Oggi te vedo un po’ meno cattivo,

t’hanno spuntato er pijo abbituale,

mercoledì te frega er tuo normale

proposito de èsse negativo.

***

Ché più de un lunedì, sei tal’e quale

a un giovedì, pe quanto impegnativo,

ma co la festa in mezzo, nun fai er divo

tra quelli che ce nascheno a fà male.

***

Che pe quarcuno caschi che a faciolo,

unito a la festa pe fà un ponte,

che te viè bene co du’ giorni solo.

***

Prennessi spunto pe cambià orizzonte

venì sempre così, fittato a nolo,

nun come sempre da pistola in fronte.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 ottobre 2017

Dar Vangelo der giorno: “er comannamento più granne”

Dar Vangelo der giorno:

“er comannamento più granne”

***

Li farisei je chiesero un ber giorno:

“Qual è de Dio er più gran comannamento?”

“D’amallo”, j’arispose in un momento:

“co còre, mente e anima, lì intorno”.

***

E d’un amore vero, un sentimento,

che nun se dà p’avé un quarche ritorno,

de quer ch’abbrucia callo, come un forno,

e nun se spegne co un soffio de vento.

***

Gesù poi continuò: “Ce n’è un seconno

ch’è pari ar primo e che è un suo riflesso,

e vale pe ‘gni tizzio de ‘sto monno.

***

È quello d’amà er prossimo ch’è appresso

preciso, uguale, chiaro e a tutto tónno,

a come ‘gnuno ama er suo io stesso”.

 ***

Stefano Agostino

________________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

28 ottobre 2017

Roma – Bologna

Roma – Bologna: 1-0

***

Le vojo vince tutte uno a zero.

De tutto er resto me ne frega poco,

me basta, m’accontento, accenno er foco,

co legna che dà punti pe davero.

***

E nun me ‘mporta si ce perde er gioco

si ho da soffrì pe un incontro intero,

me vojo da gustà come un destriero

de stà a difenne er regno pressappoco.

***

Pe questo ha da segnà er Faraone

co un go’ ch’è ‘na delizzia p’er palato,

co un tiro ar volo ch’è da ovazzione.

***

Da un angolo ‘na vorta ben giocato,

er tiro che disegna l’emozzione

che gonfia rete, petti, occhi e fiato.

***

Stefano Agostino

***

***

I sonetti romani,Romanamente

La doppia ora

La doppia ora

***

Er tempo quanno mai aritorna indietro,

né mai se ferma e manco mai s’aresta,

ma un’eccezzione sola, c’è e è questa,

de l’ora che pe un’ora torna addietro.

***

Stanotte pe le tre ‘gni mente desta,

si guarda l’orologgio, fronte ar vetro,

vedrà quele lancette tornà retro,

de un’ora esatta, senza dà de testa.

***

Vabbè, lo so, che è un’immagginazzione,

me piace assai penzà a ‘sta doppia ora

come si er tempo dà un’artra occasione.

***

Sta a noi sfruttalla, prima che se sfora,

ma er fatto è che ‘gni vorta, da cojone,

sto già a dormì e me svejo quann’è aurora.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

La Roma in rima

27 ottobre 2017

Crociata contro er crociato

Crociata contro er crociato

***

Ma nun pò èsse, nun ce vojo crede,

s’è rotto qui un crociato un’artra vorta,

de Karsdorp er turno mó e addio a la svorta

d’arivedello in campo, palla ar piede.

***

Ma nun ce credo a la sfiga accorta,

ner mentre la fortuna nun ce vede,

‘sta storia cià un perché, chi se lo chiede,

fa operazzione tutt’artro che storta.

***

Ché nun pò èsse certo casuale,

‘na serie de infortuni ar legamento

pe tutti quanti quello sempre uguale.

 ***

Nun so si sò pe campi o allenamento

o un macchinario o quale artro male,

ma tocca mette fine a ‘sto tormento.

***

Stefano Agostino

***