Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di ottobre 8, 2017

I sonetti romani,Romanamente

8 ottobre 2017

Ciao Aldo Biscardi

Ciao Aldo Biscardi

***

Nun credo che ce sia chi anche un minuto,

tra l’amanti der carcio, nun da adesso,

che nun ha mai guardato er suo “processo

der lunedì” pe come l’ha voluto.

***

Fusse sortanto pe dà sfogo spesso

a torti e situazzioni che cià avuto,

a fischi de ‘gni arbitro cornuto,

pe dà raggioni a quello ch’è successo.

***

Così che su ‘gni azzione pallonara,

s’annava avanti fin’a sera tardi,

finenno spesso o sempre in gran caciara.

***

Ma intanto ha fatto scòla da traguardi,

a chi ha seguito l’orma sua e se tara

in trasmissioni copie de Biscardi.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “li marvaggi contadini”

Dar Vangelo der giorno: “li marvaggi contadini”

 ***

“Li vignaroli, a cui era affidata,

la vigna der padrone, quanno questi

mannò li servi sua, fidati e onesti,

li uccisero co crudertà efferata.

***

Mannò più servi, ma quelli più lesti,

je fecero a tutti un’imboscata,

così che mannò er fìo, ma gente ingrata,

uccisero anche lui, cattivi e mesti.

***

Che ha da fà er padrone de la vigna:

dàlla in affitto a artri contadini,

che je daranno frutti, quanno bigna.

***

Così farà Dio Padre der Suo Regno,

lo leverà a chi cià artri fini

dar portà frutto e lo darà a chi è degno”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***