Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di ottobre 10, 2017

I sonetti romani,Tempi d'oggi

10 ottobre 2017

Stamo tutti co Peppina

Stamo tutti co Peppina

***

Come se pò trattà pe ‘na giustizzia

ch’è fatte de formalità e s’aregge

più su ‘no sputo ormai che su la legge,

che qui er diritto quanno mai se inizzia?

***

Perché è abbusiva, a dà retta a quer gregge

de farisei moderni, è la notizzia

che s’ha da abbatte la casa che ospizzia

Peppina la vecchietta che, se legge …

***

… d’anni 95 che cià er danno

de un teremoto ch’ha distrutto tutto,

ma lì vò arimané ‘gni giorno a l’anno …

***

… ma è contro legge e quinni pare brutto.

Co un Parlamento ch’è abbusivo a scranno,

quest’è giustizzia che merita un rutto.

***

Stefano Agostino

_________________________

***