Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di ottobre 11, 2017

I sonetti romani,Romanamente

11 ottobre 2017

La nova legge elettorale

La nova legge elettorale

***

Mó vonno fà ‘na legge elettorale

che cià come obbiettivo dichiarato,

de stà a paraje er culo apportronato,

e quer che esce ar voto tanto è uguale.

***

Abbasta lassà fòri dar serciato,

‘gni forza che vò contrastà ‘sto male,

ridotta a abbajà e a magnà sale,

da ‘st’artro schifo de corpo de Stato.

***

Ner mentre c’è er paese che va a picco,

‘sta gente che nun cià un po’ de decoro,

trova er sistema ar: “Come je lo ficco …

***

… a l’italiani e conzervà er lavoro

de commannà, facennome più ricco?”

Ma l’anima de li mortacciloro!

***

Stefano Agostino

___________________________

***