Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di novembre, 2017

I sonetti romani,Romanamente

30 novembre 2017

Er collezzionista de libbri

Er collezzionista de libbri

***

Tutta ‘na vita pe ‘na bibblioteca,

inteso come propia perzonale,

co libbri antichi e co ‘gni manuale

de gran valore da scrive in bacheca …

***

… ma de ‘na gelosia maniacale,

pe ‘sta sua collezzione e pe ‘gni teca,

“Li libbri nun se toccheno” lui impreca

mentre li guarda ‘gnuno ar suo scaffale.

***

Poi ‘na cannela accesa infiamma tutto,

l’intera libbreria e la collezzione

sò incenerite e mó è listato a lutto.

***

Ma da l’incendio un libbro s’è sarvato

scampanno a fiamme, fumo e distruzzione,

questo che lui pe un giorno m’ha prestato.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

A tavola,I sonetti romani

29 novembre 2017

“P” come piatti

“P” come piatti

***

La tavola com’è, purché se magna,

va bene da la “A” fin’a la “Z”,

ma c’è la “P” che più de l’artre allieta,

palati, bocche e gole da cuccagna.

***

Pasta, Patate e Pane, si stai a dieta,

Peperoncino e Pepe a le carcagna,

Presciutto, Pommidoro, Pandespagna,

le cose le più mejo der pianeta.

***

Polenta o perché no, ‘na Parmiggiana,

ma pe tornà a magnà dentr’ar raccordo,

c’e la Pancetta pe l’amatriciana.

***

La Pizza quella bassa o d’arto bordo,

ma a tavola ‘gni lettera italiana

me gusta quanno magno e quanno mordo.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 novembre 2017

Vale la pena?

Vale la pena?

***

Capita a vorte che te renni conto

de prennetela troppo pe stronzate,

che meritano d’èsse cancellate

e già notalle infatti è un po’ un affronto.

***

Così che poi ariguardi le giornate

pe scrive finarmente quer racconto,

che serve a rovesciaje er tornaconto

ar diavolo che già l’ha programmate.

***

Però più spesso poi ce perdi er sonno,

pe cose che si mai vargheno zero, 

quer zero è pure inzino troppo in fonno.

***

E nun se sa perché e pe quar mistero,

perdi de vista quer che conta ar monno,

vale la pena? … dimme … èssi sincero.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 novembre 2017

Er primo passo

Er primo passo

***

Ner mentre der comincio de l’inizzio,

quanno che stai pe fà er primo passo,

sur punto de protenne er piede basso,

e move er corpo avanti, guasi a sfizzio, …

***

… ar tempo de avanzà er passo a spasso,

te blocchi là ne l’attimo propizzio,

come si fussi a bordo a un precipizzio,

e immobbile arimani fermo e lasso.

***

Abbasterebbe solo spostà er piede

fà er primo passo e proseguì er cammino,

ma nun ce riesci e nun riesci a vede …

***

… che a seguità così, ner tuo destino

arimarai pe sempre e solo a sede,

fin quanno te sportronerà er becchino. 

***

Stefano Agostino

_________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

26 novembre 2017

Genoa – Roma

Genoa – Roma: 1-1

***

Trovà de chi è la corpa è assai scontato,

perciò lo lasso a chi nun vede l’ora

de scrive der gestaccio e er VAR ancora

usato mai a favore in campionato.

***

Un pari in dieci, anche si viè fòra

la rabbia p’er vantaggio conquistato

si nun me riempie de gioia er palato,

dico che ce pò stà, e spiego allora.

***

Dopo ben dodici vinte in trasferta,

pò èsse che viè poi pure un pareggio,

nun è trionfo, questa cosa è certa.

***

C’è solo da scrollasse de ‘sto sfreggio,

riprenne già la strada un po’ più erta,

co un punto nun sto fermo, né indietreggio.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Cristo Re de l’Univerzo

Cristo Re de l’Univerzo

***

È er dì de Cristo Re de l’Univerzo,

pe noi cristiani è er vero capodanno,

intenno dì in Liturgia parlanno,

se chiude un anno e s’apre uno diverzo.

***

E datosi che oggi inizzia l’anno,

dovremmo festeggià mica pe scherzo,

pe renne meno propio, e no introverzo,

er Credo che noi annamo professanno.

***

E ‘gni famija unita a stà in preghiera,

p’aricordà che Cristo è Re der monno,

sarebbe la più lucida magnera …

***

… pe vive ‘sta gran Festa fino in fonno,

fà in modo che pe ‘na giornata intera,

se possa èsse cristiani in der profonno.

***

 Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

24 novembre 2017

Sognavo de sognà

Sognavo de sognà

***

Ho fatto un sogno ch’era sì profonno

che me sognavo de dormì ner sogno,

nun so spiegamme mejo e me vergogno,

se vede che ciavevo propio sonno.

***

Ner sogno, pe evità che qui me infogno,

sapevo de sognà er sogno seconno,

ma ero convinto de destamme ar monno,

svejannome ner primo pe bisogno.

***

Ma nun riuscivo mica a tornà desto,

ché poi voleva dì, fà un ber risvejo,

tornanno ar primo sogno manifesto.

***

La sveja poi è sonata e lì me svejo

me viè un penziero: si er reale è questo,

… me rimetto a dormì, me sa ch’è mejo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***