Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di novembre 2, 2017

I sonetti romani,Schegge di vita

2 novembre 2017

L’appennicati

L’appennicati

***

Li morti nun sò morti, sò addormiti,

appennicati, stracchi de fatica,

pe faje compagnia a ’na vecchia amica,

la sora “Vita” che mó l’ha sfiniti.

 ***

Ner sonno nun se ponno sognà mica,

chi li sta a piagne e li crede sortiti,

né si sò stati più nummeri o miti,

chi ha fatto da cicala o da formica.

***

Se stanno a gustà er tempo senza l’ora,

der giorno in cui nun c’è più diferenza

fra er senzo der tramonto e de l’aurora.

***

Vabbè, pò èsse tutta ’na scemenza,

ma è un modo de penzà che un po’ me ‘ndora,

lo strazzio che de te ciò da stà senza.

***

Stefano Agostino

____________________________

***