Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di novembre 5, 2017

La Roma in rima,Stagione 2017-18

5 novembre 2017

Fiorentina – Roma

Fiorentina – Roma: 2-4

***

Sontuosa Roma, vince un’artra vorta,

e un’artra vorta che lo fa in trasferta,

sò dodici pe un record ch’è scoperta

più bella ancora de tutta ‘sta svorta.

***

Avanti, pari, avanti, pari, allerta,

poi ner seconno tempo se fa corta,

du’ go’ a gonfià però solo ‘na porta,

ch’è quella viola. Fine. E via a la sverta.

***

Du’ go’ de Gerson, artro ber talento,

poi Manolas e ancora poi Perotti,

a rènne rosa un cèlo griggio spento.

***

Se torna a casa, anche stracchi e cotti,

ma co un còre così e in braccio ar vento,

la Roma inebbria più de mille botti.

***

Stefano Agostino

***

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “nun fate come scribbi e farisei”

Dar Vangelo der giorno:

“nun fate come scribbi e farisei”

 ***

Gesù je disse allora: “Praticate,

quer che dicheno scribbi e farisei,

ma ne l’agì nun je fate cortei,

ché nun sapete mica che je fate.

***

Sò oratori bravi, da trofei,

ma quanto a fà, nun ce sorfeggia un vate

pe ariccontà de le parole date,

fardelli più pe l’artri e pe babbei.

***

Vonno l’ammirazzione de la gente,

allungheno le frange e er primo seggio

sempre ha da èsse er loro solamente.

***

Nun fate come loro e abbiate a freggio

de stà a chiamà pe “padre” unicamente

er Padre vostro … er vostro granne preggio”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***