Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di novembre 9, 2017

I sonetti romani,Romanamente

9 novembre 2017

Amicizzia “a cerino”

Amicizzia “a cerino”

***

Nun ce sta ar monno gnente de più finto,

de un’amicizzia da chiamà “a cerino”,

quanno s’accenne pare fà un casino,

ma poi se smorza ar soffio de un istinto.

***

Sto a dì de chi te ‘ncontra ner destino

e de seconno ce ne impiega un quinto,

pe diventà tuo amico e t’ha convinto,

co quarche bella frase da lecchino.

***

Ma appena ch’ha raggiunto l’obbiettivo,

e t’ha sfruttato come j’è piaciuto,

s’è già scordato che si ancora è vivo …

***

… lo deve a te, ma quer cerino muto

s’è spento già, lassannote a l’attivo

un senzo amaro in bocca ch’è da sputo.

***

Stefano Agostino

____________________________

***