Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di novembre 13, 2017

La Roma in rima

13 novembre 2017

Tutti a casa

 Tutti a casa

***

Ce sei riuscito e pure de misura,

a caccià via l’Italia dar mondiale,

bravissimo C.T. nun ce n’è uguale,

davero comprimenti sor Ventura.

***

E co ‘na faccia pari a un ber pitale,

Tavecchio e la federazzione azzura,

nun ciànno er coraggio e la premura

de dà le dimissioni in via totale.

***

Ma quanno poi la verità te bussa,

e lo pò confermà tutta la Tera,

je dici “ciao” a la trasferta russa.

***

Ciavessero un’ombrina de pudore

starebbero a dì “scusa” da stasera

l’urtima da capoccia e allenatore.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima

Spareggio o sparisci

Spareggio o sparisci

***

Si pe … Ventura casomai stasera

l’Italia co la Svezia casca male

ar punto che nun entra ner mondiale,

la FIGC, e tutta quanta intera …

***

… dar sor Tavecchio a quer C.T. locale,

ha da èsse cacciata in maniera

che s’aricordi poi in tutta la Tera,

pe avé fatto ‘sto scempio nazzionale.

***

Ché pure che va bene ‘sto spareggio

dovrebbe rassegnà le dimissioni,

chi ce l’ha fatto fà, ch’è già ‘no sfreggio.

***

Davero pochi co li piedi boni,

sfruttati male e messi in campo peggio,

tirassero de fòrì li cojoni!

***

Stefano Agostino

***