Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di dicembre 1, 2017

La Roma in rima,Stagione 2017-18

1 dicembre 2017

Roma – Spal

Roma – Spal: 3-1

***

Vittoria che ‘gni vorta dà sapore,

aumenta er gusto ar fine settimana,

vince la Roma, tutto s’aripiana,

anche si s’aregala un ber rigore.

***

Dzeko che torna ar go’, e a rènne vana

l’azzione de la Spal, ce vò l’ardore

de Strootman go’, tornato ar suo splennore

er tre è de Pellegrini e tutto plana.

***

Vittoria p’ariprenne quer cammino

che un pareggio un attimo ha stentato,

ma è ‘sta Roma tutta ch’è da inchino.

***

Avanti quinni ch’er tereno è arato,

ce vole solo er tempo der destino

pe dì la nostra in de ‘sto campionato.

***

Stefano Agostino

***

***

I sonetti romani,Romanamente

Er gatto a zonzo

Er gatto a zonzo

***

Un giorno un gatto, stufo de la strada,

se mise in testa de trovà padrone,

cercannose ‘na commoda penzione

de un chicchessia che lo tenesse a bada.

***

Un po’ de fusa e un poco d’attenzione

ner nun sporcà, ma poi che vòi che accada,

- penzò – m’eviteranno, mar che vada,

er freddo, er callo e la marnutrizzione.

***

Ma er micio se trovò solo soletto,

rinchiuso in casa e senza compagnia

de un padrone, stracco sempre a letto.

***

E pe nun miagolà de nostargia,

tornò pe strada e disse: “Nun ciò un tetto,

ma vivo a zonzo, co l’a-mici mia”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***