Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di dicembre 5, 2017

La Roma in rima,Stagione 2017-18

5 dicembre 2017

Roma – Qarabag C.L.

Roma – Qarabag: 1-0

***

La Roma vince e ner girone è prima,

sfido chiunque a un chi l’avrebbe detto

ar tempo der sorteggio benedetto

che poi ‘sta Roma ce arivava in cima.

***

Co ‘st’uno a zero, tanto fa er verdetto,

e er pari Chelsea-Atletico ch’er clima

fa Roma ar primo posto, evvai de rima,

che dà ben artro gusto e artro effetto.

***

Segna Perotti er go’ che chiude er conto

de ‘na partita che in un certo modo

poteva fa pagà, senza fà sconto.

***

Ma dopo ‘sta vittoria invece lodo

tutta la squadra e presto lo racconto

che sto a l’ottavi e ammazza quanto godo.

***

Stefano Agostino

***

***

I sonetti romani,Romanamente

Tirà o spigne

Tirà o spigne

***

Credevo d’èsse l’unico qui ar monno,

che avanti a porte da “tirà o spigne”

‘gni vorta ha da penzà e er cervello strigne

a concentrasse in quer nanoseconno.

***

Ché si la mente tosto me sospigne

a dì ch’ho da tirà o spigne a fonno,

regolarmente er corpo fa da tonno

tutt’er contrario … e ce sbatte e intigne.

***

Invece me so’ accorto che ‘st’impiccio

che manna in confusione zucca e braccia,

capita a tanti e in modo assai massiccio.

***

Ché spesso poi de danni nun c’è traccia,

ma a vorte sì e lì me raccapriccio,

a quanno prennerò ‘na porta in faccia.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***