Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di gennaio, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

31 gennaio 2018

Li giorni de la merla

Li giorni de la merla

***

Se dice de ’sti giorni che ’na merla,

in lotta contro er gelo de Gennaio,

volle aspettà l’inizzio de Febbraio,

niscosta indentro ar centro de ’na gerla.

*** 

Bojaccia, era un comignolo! Che guajo!

Quanno sortì fu peggio de ’na sberla:

da ch’era entrata tinta griggio-perla,

mó era de un neraccio carbonajo.

*** 

Gennaio fu così che s’è allungato

logranno ar mese dopo, a fàllo corto,

un par de giorni interi ch’ha arubbato.

*** 

Quest’è er racconto, fórze un po’ contorto,

pe dì che pe combatte contro er Fato,

si t’annasconni, guasi sempre hai torto!

**

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

30 gennaio 2018

Che delusione

Che delusione

***

Pe quanto me aripeto “chettefrega,

ché quanto conta poi ‘sto fatto? Gnente”,

nun riesco mica a fà l’indiferente,

quanno ce sta un affetto che me lega.

***

Ma er brutto, che fa male veramente,

è avé capito, chiusa ‘sta bottega,

che da ‘sta parte mia se chiede e prega

pe un’amicizzia che da l’artra è assente.

***

E nun s’aregge certo mica in piedi

dì che eravamo amici, ma mó basta,

“le cose sò cambiate, nun lo vedi?”

***

Perché la reartà parla scontata:

ché ‘sta nostra amicizzia pura e casta

da parte tua pe me nun c’è mai stata.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

28 gennaio 2018

Roma – Sampdoria

Roma – Sampdoria: 0-1

***

Scusate, ma stavorta fà er sonetto

senza riempillo co la delusione

nun pò venimme mai, dichiarazzione

che scrivo sempre subbito de getto.

***

Se sta a buttà ner cesso la staggione,

nun c’è artro da dì de più coretto,

er quarto posto, sempre più un caretto,

che s’allontana a aumentà er magone.

***

Che aumenta pe l’ennesimo rigore

che se riesce a sbajà e ce vò destrezza,

pe spegne anche sur nasce ‘gni fervore.

 ***

Qui ar momento c’è solo amarezza

e senzo in bocca che cià quer sapore,

de un artro anno che nun sei a l’artezza.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “l’indemognato”

Dar Vangelo der giorno: “l’indemognato”

***

Gesù è ito allora in sinagoga

de sabbato, così, pe Suo mannato,

quann’ecco, a un tratto, lì un indemognato

je se presenta in tutta la sua foga.

***

“Che vòi da noi?”, je dice, da invasato,

“Sei qui pe rovinacce e co la toga

d’èsse er Santo de Dio, er che t’aroga

diritto come er Re de ‘sto Creato”.

***

“Taci” – Gesù arisponne – “Esci de fòra,

spirito immonno e lassa stà ‘sto fìo”,

quer verme uscì, senza strazziallo ancora.

***

E l’artri intorno a dì: “Chi mai è ‘sto tizzio

Che viè e commanna a tutti, come Dio?” …

E questo fu sortanto che l’inizzio.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 gennaio 2018

La giornata de la memoria

La giornata de la memoria

***

Ben venghi la giornata de memoria,

pe nun dimenticà l’infamia estrema

de la “Shoah”, che nun pò èsse un tema

da chiude e conzervà in libbri de storia.

***

Ma aricordà sortanto nun è schema

pe evità che l’omo e la sua boria,

pe quarche sua credenza e vanagloria,

possa, un ber dì, aripresentà er probbrema.

***

Accanto a la memoria de l’eccidi,

quarziasi mano ciabbia l’assassino,

ch’ha perpetrato zozzi genocidi …

***

… ce vò chi da l’età de chi è bambino

inzegni l’odio a quali rischi guidi,

solo pe razza, credo o p’er quatrino.

******

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 gennaio 2018

L’artro viaggio de quer treno

L’artro viaggio de quer treno

***

Vojo penzà che nun ve sète accorte,

nessuna de voi tre, sopr’a quer treno,

de quer seconno esatto in cui … me freno,

senza un motivo è apparza sora Morte.

***

Nun vojo cercà corpe ch’è un veleno,

che a gnente pò servì quanno la sorte

decide de sprangà tutte le porte

a Vita che ciavrebbe ancora er pieno.

***

Vojo penzà pe voi che c’è un binario

che porta dritti a casa Paradiso,

dove da sempre tutto va in orario.

***

Dove risprenne er Sole acceso in viso,

e nun c’è cosa che va a l’incontrario,

nun ce sta lacrima, solo er soriso.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

24 gennaio 2018

Sampdoria – Roma

Sampdoria – Roma: 1-1

***

Se collezziona ancora qui un pareggio,

che è già in rimonta e pe la prima vorta,

er go’ de Dzeko che la manna in porta

quanno praticamente sta ar parcheggio …

***

… der terminal pe Londra, e l’aria è corta

de quanno sei ner limbo e fai ‘sto sfreggio,

ché artrimenti qui finiva peggio,

‘na gara rattoppata ch’era storta.

***

Che sia l’inizzio de un vento a favore,

che soffi finarmente ar lato giusto,

a vorte basta poco a cambià l’ore …

***

… pe ritrovà un po’ più de dorce ar gusto,

c’è ancora tutt’er tempo a scallà er còre

pe raddrizzà quest’arbero da fusto.

***

Stefano Agostino

***