Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di gennaio 2, 2018

I sonetti romani,Romanamente

2 gennaio 2018

Inizzio d’anno

Inizzio d’anno

***

Pe quanto sia cambià un calennario,

‘gni novo anno sa de novo inizzio,

li primi giorni, er tempo più propizzio,

pe proggettà varianti dar binario …

***

… der treno de la vita de ‘gni tizzio,

che vò provà a cambià l’itinerario,

quello meno battuto e un po’ più vario,

come che svorta l’anno e dà ‘sto sfizzio.

***

Ma pe cambià e pe fàllo veramente

nun basta solo er passo in più de un anno,

ce vole testa a tigna intranziggente.

***

Sinnò dopo ‘st’inizzio in cui me addanno

a dì vojo cambià, nun cambio in gnente,

e sposto tutto a ‘st’artro capodanno.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***