Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di gennaio 3, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

3 gennaio 2018

Chi sei veramente

Chi sei veramente

***

Chi crede de conoscete sortanto

perché de te cià ‘na sfaccettatura,

nun sa che quer che sa de te misura

come ‘na goccia dentr’a un mare tanto.

***

Te guarda come fussi ‘na scurtura,

che resta ferma, mentr’er monno accanto

t’ha già bollato come mostro o santo,

in base a quer parziale che snatura.

***

Come ‘gni omo ciài cent’artri aspetti

e nun pò èsse mai ch’uno qualunque

abbasta a dì chi sei, come t’assetti.

***

Ché spesso nun lo so nemmanco io

come so’ fatto veramente ar dunque,

er solo che lo sa, se chiama Dio. 

***

Stefano Agostino

____________________________

***