Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di gennaio 7, 2018

I sonetti romani,Romanamente

7 gennaio 2018

Prima de ripartì

Prima de ripartì

***

Tocca aricomincià, tiranno dritto,

portà in avanti ancora la caretta,

si posso conzijà, nun mai de fretta,

e lentamente sia, nun fitto fitto.

***

Pe dije a l’anzia che ce pìa: “aspetta”,

nun ciò intenzione de soffrigge fritto,

ché ciò un bioritmo a tera e a annà ar soffitto

nun basta qua ‘no squillo de trombetta.

***

Se ariparte tra scòla e lavoro,

che già de suo comunque è cosa dura,

già dar lassà ‘gni letto a peso d’oro.

***

Er tempo de ingranà e tornà ar livello,

der solito tran-tran che ce cattura,

e giorni tutti uguali a fà l’appello.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

***

Gesù se presentò in riva ar Giordano,

pe fasse battezzà da lui, er Battista,

er quale disse e strabbuzzò la vista:

“So’ io che t’ho da battezzà? M’è strano”.

***

Gesù je fece: “Lassa fà ar Reggista,

ch’aregge l’Univerzo co le mano”,

Giovanni, allora, nun parlò più invano,

lo battezzò co l’acqua e pure in lista.

***

E quanno che poi l’ebbe battezzato,

s’aprirono li Cèli e ‘na colomba,

Spirito Santo materializzato, …

***

… discese su Gesù, squillo de tromba,

s’udì: “Costui è er Mi’ Fìo, da Me, l’Amato”,

la voce de Dio Padre ch’arimbomba.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***