Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di gennaio 10, 2018

I sonetti romani,Romanamente

10 gennaio 2018

Tassa de du’ centesimi a sacchetto

Tassa de du’ centesimi a sacchetto

***

Tassa de du’ centesimi a sacchetto,

quelle pe ‘gni verdura e pe ‘gni frutto,

quanno che intanto poi aumenta tutto,

più che un probbrema, me pare un giochetto.

***

Ché protestà ce sta, ma a che costrutto^

come pe fà cadé ner trabbocchetto,

d’annà a vedé quer gnente qui rispetto

a ‘gni artro aumento ben assai più brutto.

 ***

Sò aumentate luce, gas e benza,

co l’autostrade e l’assicurazzioni,

ma qui solo ar sacchetto ormai se penza.

***

Come quer tizzio che chissà ‘nd’è ito,

a cui indicà la Luna e se cojoni 

a contemplacce  affisso solo er dito.

***

Stefano Agostino

___________________________

***