Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di febbraio, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

28 febbraio 2018

28 febbraio

28 febbraio

***

L’urtimo dì, er ventotto, de febbraio,

ché l’anno bisestile è un’eccezzione,

fa de ’sto mese, in tutt’er carozzone,

er più nanetto e breve a passà ar vajo.

***

Febbraio me dà come l’impressione

de cercà spazzio fra Marzo e Gennaio,

come fosse finito lì pe sbajo,

chiedenno scusa pe l’intromissione.

 ***

Così che ce arigala er Carnevale,

guasi si fosse stesso lui ’no scherzo,

che dura poco e nun ce pò fà male.

 ***

“Ventotto ce n’è uno”, dice er verzo,

anche pe questo è er mese più speciale:

ché fa svortà l’inverno a servosterzo.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

26 febbraio 2018

Burian a Roma

Burian a Roma

***

Anvedi come picchia ‘sta buriana,

cor freddo che te penetra le ossa

la pelle in superficie pure è scossa

da tremarella a ballo arquanto strana.

***

Co la temperatura che s’affossa

a rènne tutta Roma sibberiana,

e soffia e tira e fischia e nun se appiana

anzi simmai se gonfia e s’aringrossa.

***

A lastricà de ghiaccio poi l’asfarto,

ner congelà perzino ‘gni penziero,

cor sibbilo der vento in soprassarto.

***

Sembrava un film, invece è tutto vero,

Roma è un ghiacciolo aperto, senza incarto,

ma io la amo pure sotto-zero.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

La dama bianca

La dama bianca

***

L’aspetto a la finestra ancora adesso,

come quann’ero un pupo o un regazzino,

l’occhioni in su de fòri ar barconcino,

guardanno er cèlo e lo sguardo è lo stesso.

***

Speranno de vedé, come un bambino,

un fiocco che viè giù e un artro appresso

e un artro ancora e un artro ancor più spesso

e a un tratto ovunque fiocca fitto e fino.

****

Me dà ’na gioja che nun riesco a esprime

l’ammiro e l’ariguardo e mai me stanca

je scriverebbe centomila rime.

***

Si se potesse conzervalla in banca,

immacolata come su arte cime,

co un conto da intestà a la dama bianca…

***

Stefano Agostino

_____________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

25 febbraio 2018

Roma – Milan

Roma – Milan: 0-2

***

E io dovrei trovà ‘na quarche rima,

dopo ‘sto scempio? Nun me pare er caso.

A l’improviso qui s’è rotto er vaso

e tutto nun è certo come prima.

***

Perciò manco ce provo e nun lo intaso

‘sto blog co un sonetto a fà ‘na stima

su ‘sta partita ché ce lassa in clima

cor ghiaccio de stanotte raso raso.

***

E che dovrei da mette tutto in verzi

co du’ quartine sopr’a du’ terzine?

Ma solo a risurtati ben diverzi.

***

Perciò ve chiedo scusa qui de getto

si lasso perde strofe e a la fine

nun ve lo faccio oggi er mio sonetto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione”

***

Gesù, co Pietro, Giacomo e Giovanni,

salì sur monte Tabor, quanno a un tratto,

er vórto Suo, come da luce ratto,

s’accese inzieme a l’abbiti e a li panni.

***

E a quer punto, in quer momento esatto,

apparzero Mosè e Elia, du’ granni,

pe chiacchierà co Lui, un tempo senz’anni,

’na nube l’attorniò e detto, fatto …

 ***

… da lei sortì ’na voce, e era de Dio,

che disse: “In Lui, Io me so’ compiaciuto,

dateje ascorto, ché questi è er Mi’ Fìo”.

***

Tutto scomparve eppoi, un attimo muto,

Gesù fece: “Finché ce sto qui Io,

nun riccontate de quant’è accaduto”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

24 febbraio 2018

L’esperto

L’esperto

***

Appena che succede ‘na traggedia, 

c’è sempre da rivorgese a un esperto,

er competente, più sicuro e certo,

che ne sa più de tutta wiki-pedia.

***

Lui è perito, armeno quanno ha scerto

quer posto in cui sa eccelle pe la sedia,

ma nun perisce, come da commedia,

si predica più o meno ner deserto.

***

Lui si che conosceva quer probbrema,

che tu sapevi a stento che esistesse,

e er modo d’evitallo e cià ‘no schema.

***

Però me chiedo come mai pò èsse

che sorte fòri sempre e solo, a tema,

dopo che le traggedie sò successe.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

23 febbraio 2018

Er ventitré

23

Er ventitré

 ***

Er ventitré a Roma, è arci-noto,

er è nummero che vole dì … fortuna.

‘Na frase a tre parole è più opportuna,

ma ce vorebbe forse più ‘na foto.

 ***

Er punto in cui ‘gni natica s’aduna,

ar centro de l’avvallo, lì c’è un vòto,

che in tutto er corpo è er lato ben più ignoto,

che sa un po’ d’artra faccia de la Luna.

 ***

Quer punto a vorte viè già fatto oggetto,

a indicà chi sgobba come un mulo,

e quanto pesa spigne quer caretto.

 ***

Ma in questo caso è più merce d’adulo,

sta sempre in fonno a l’intestino retto,

ma è un artro tipo de bucio de culo!

 ***

Stefano Agostino

_____________________________

***