Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di febbraio 1, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

1 febbraio 2018

Ma nun pò èsse

Ma nun pò èsse

***

S’ammazza er fiume, quanno sfocia in mare,

s’ammazza un giorno, quanno ariva notte,

s’ammazza er tempo, si la noia fotte,

s’ammazza un sogno, co matine chiare.

***

S’ammazza un grido che er silenzio inghiotte,

s’ammazza anche la Luna che scompare,

s’ammazzeno le stelle e er Sole appare,

s’ammazzano le idee e le granni lotte.

***

S’ammazza in quello appresso ‘gni momento,

s’ammazza ‘gni penziero a cambià l’io

s’ammazza quanno plana pur’er vento.

***

S’ammazza un’amicizzia e lo sa Dio

pure un amore dietr’a un tradimento,

ma nun pò èsse che s’ammazza un fìo.

***

Stefano Agostino

____________________________

***